Alex Portuesi

Alex Portuesi Alex Portuesi
alcamo (TP)

Iscritto dal
24/07/2010
Categoria: Scultori

Websites: www.alexportuesi.it  alexportuesi.exibart.com 

Opere inserite: 10

Visualizzazioni profilo: 2006

Voti ricevuti: 35 Chi ha votato?


Data di nascita: 14/06/1961
Residenza: alcamo - TP

ANALISI ARTISTICA :
Osservando le opere di Alessandro (Alex) Portuesi, un po’ per la loro originalità e un po’per la spontaneità, notiamo uno snodarsi,attraverso il nostro pensiero riflessivo,complice la retina,un capitolo di filosofia antropologica,ovvero”ciclo della quintessenza umana”,quale preludio alla morte-rinascita, nel suo eterno rinnovarsi ,in cui l’autore,giudice ed arbitro,appare umile servo ed indiscusso padrone. La linea veste elementi nobili senza soluzione di continuità : partenza-arrivo-ripartenza In un alternarsi di tragico e di lirismo , sintomatici elementi di una ricerca capace di sfidare il tempo e la logica. Un gioco perverso di menzogna e verità dove il bello e il fantastico perfettamente si fondono. Un artista eclettico , il Portuesi , in cui la materia plasmata,se pur povera nella sua consistenza materica,si innalza staccandosi dall’usuale , dal dejà-vu per intraprendere l’aspetto ed il percorso del mito, ed è proprio per questo assunto che risulta difficile considerarlo solamente uno scultore o solamente uno scenografo se non altro , ripetiamo , per la sua tendenza all’originalità .Il segno quale elemento di premonizione di un dramma antico quanto il mondo , ma anche “segno” quale pressante invito ad un ritorno alla natura secondo quanto auspicato da Rousseau . La linea del Portuesi , infatti , compie un giro concentrico che osiamo definire “autogenerante” ,in sintesi : ipotetico ritorno alla bellezza primigenia . L’autore si ispira ad una proiezione intimistica dove la spiritualità e la sensualità si risolvono in catarsi e si fondono in un anelito unico , protagonista una sub-conscia interiorità “altra” . Gli viene incontro l’aria del poeta, L’eleganza lirica di una romanza Pucciniana, ma c’è di più : L’effetto plastico delle sue figurazioni, il baricentro perfetto ,la fluidità della forma tendono al post-classico ma con un “retrogusto” squisitamente moderno teso alla semplicità semantica del discorso che suggerisce il modellare canoviano con una spregiudicata tesi dianoica .

Nic Giaramita

 

  • sensualita
  • la pietà
  • il passo dell'uomo
  • il muso
  • la madre terra
  • la linfa del'libro

Commenti sulle opere di Alex Portuesi:

" Un gioco perverso di menzogna e verità dove il bello e il fantastico perfettamente si fondono. Un artista eclettico , il Portuesi , in cui la materia plasmata,se pur povera nella sua consistenza materica,si innalza staccandosi dall’usuale , dal dejà-vu per intraprendere l’aspetto ed il percorso del mito, ed è proprio per questo assunto che risulta difficile considerarlo solamente uno scultore o solamente uno scenografo se non altro , ripetiamo , per la sua tendenza all’originalità ."


commento di Alex Portuesi sull'opera sensualita - domenica 14 novembre 2010 alle ore 14:26

splendida


commento di Arcangelo Delfino sull'opera la madre terra - giovedì 12 maggio 2011 alle ore 08:10

splendida


commento di Arcangelo Delfino sull'opera la madre terra - giovedì 12 maggio 2011 alle ore 08:11

Questa mostra Energia del Pensiero fa parte del ciclo “Energia uguale a creatività” ed è la prima rassegna di una trilogia di mostre dedicate alla forza del pensiero.

L’artista Alex Portuesi intende promuovere nell’arco del 2013.

 

Ognuno di noi nasce dotato di due strumenti: il pensiero e l’immaginazione.

La potenza del pensiero ci permette di agire, siamo ciò che noi pensiamo,

ciò che vogliamo essere.

 

Il pensiero è il mezzo che ci offre la capacità di intervenire sugli avvenimenti,

sulle cose. E’ risaputo che ogni azione è il prodotto di un pensiero anteriore:

c’è un filo immaginario che tesse i nostri pensieri giorno dopo giorno e ci

accade sempre quello che noi siamo convinti che ci accadrà. 

 

La forza del pensiero positivo ci invita a costruire e determinare il nostro

destino mentre il pensiero negativo può causare danni incalcolabili a noi

tessi e agli altri; sperpera l’energia e ci nega la possibilità di creare qualsiasi

pensiero costruttivo.

 

Dominare i propri pensieri è un’arte per alcuni piuttosto difficile,

 ma indispensabile, perché prevede una sorta di allenamento quotidiano

per liberare la mente e poter disporre consapevolmente della capacità

del libero arbitrio.

 

(William Portuesi)


commento di Alex Portuesi sull'opera capacità - domenica 02 dicembre 2012 alle ore 16:24
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici