Antonio Lacquaniti

Antonio Lacquaniti Antonio Lucio Rudy Lacquaniti
Desenzano del Garda (BS)

Iscritto dal
13/12/2015
Categoria: Pittori

Opere inserite: 460

Visualizzazioni profilo: 5420

Voti ricevuti: 377 Chi ha votato? Sono socio dell'Associazione Culturale IoArte


Data di nascita: 13/12/1951
Residenza: Desenzano del Garda - BS

Antonio Lucio Rudy Lacquaniti nasce in Calabria il 13/12/1951. Cresciuto alla scuola del padre Vincenzo, poeta, musicista, commediografo, giornalista e cultore delle tradizioni popolari della propria regione, eredita dal padre il profondo amore per la poesia, la pittura e il teatro. Attualmente , vive sul lago di Garda. In ambito giornalistico ha redatto diversi articoli sui periodici socio-culturali del Mezzogiorno denunciando carenze e limiti della società meridionale tra i quali Il Meridionale, "Salviano il salvabile" su Il Provinciale (che affronta tematiche culturali, archeologiche e ambientalistiche) e poesie e articoli vari pubblicate sui periodici lettarari quali Calabria Letteraria, La Procellaria, Piana domani (1970), La Città del Sole (1996), Costa Viola, Turismo in Calabria, Presenza. Degli anni ottanta è intensa l'attività radiofonica associata a "Radio Olimpia" (rosarnese) e alle trasmissioni radiofoniche Musica e Poesia e Calabria mia in collaborazione con l'amico e studioso Prof. Giovanni Gangemi e Pino Tramonti. E' stato uno dei fondatori della PRO LOCO di Rosarno, insieme allo stesso Prof. Giovanni Gangemi, Prof. Giuseppe Lacquaniti e altri amici. Esperienza densa di significato in quegli anni di attivismo culturale è la fondazione della rivista socio-culturale" Via Manzoni" associata al Centro di Promozione Culturale e Sociale (C.P.C.S.) fondato a Rosarno in Via Manzoni. Il Centro rappresenterà per oltre un decennio un laboratorio di Arte e Cultura, fucina creativa per veri e propri talenti teatrali e artistici. Da 1970, quando inizia l'interesse per il teatro, ha scritto e portato in scena diverse opere. Fondatore e direttore della Compagnia di Teatro Moderno ha realizzato i seguenti lavori di cui è anche autore: Cittadini in questo mondo di cartone (1975), Anch'io amodo mio ho incontrato Cristo (1975) , E se l'uomo fosse donna (1976) , Canti di lotta e di amore degli Intillimani (1977)e di queste opere poetiche ha realizzato dei lavori di teatro moderno riscuotendo successo nelle scuole della Piana di Gioia Tauro. Ha partecipato come attore e scenografo alla Compagnia teatrale del Centro di Promozione Culturale e Sociale fondata da Michele Spataro,Giuseppe Lacquaniti insieme a diversi amici. Finita l'esperienza della Compagnia ha fondato il Gruppo di Teatro Moderno del C.P.C.S., portando in scena lavori come Il Sogno della Verità, metafora sul significato della Vita alla costante ricerca dell'Essere e non dell'Apparire. Ha fondato insieme a Gianni Cutrupi la scuola di Danza presso il C.P.C.S. diretta artisticamente da Any Giurumia, ballerina di prima scena rumena. E'stato fondatore del gruppo di musica folk del CPCS Paradisu Calabrisi che ha girovagato per la Calabria, ma non solo, cantando le canzoni in vernacolo calabrese scritte dal lui stesso e dal padre Vincenzo, ottenedo tra i molteplici premi l'Umbria d'Oro a Terni dall'Associazione Amici dell'Umbria dell'amico Agostino Pensa . Nel 1984 ha rifondato insieme al fratello Giuseppe, agli amici Gianfranco Sofia e Giovanni Iannizzi la nuova Compagnia Teatrale del C.P.C.S. Vincenzo Lacquaniti attivandosi in qualità di Direttore Artistico attore, regista e scenografo. Molti saranno i riconoscimenti teatrali ottenuti in questa nuova stagione artistica, tra i quali, solamente per citarne alcuni: 1° Premio Città di San Costantino Calabro; 1° Premio Città di Soveria Mannelli; 1° Premio città di Nocera Terinese; 1° Premio Città di Teramo. Tra le commedie portate in scena in tourneè sulle principali piazze della Calabria e d'Italia, La vipera e la colomba tratta dalla favola di Alì Babà e i quaranta ladroni scritta insieme al fratello Giuseppe e a A figghia schetta (e u matrimoniu s'architetta). Per la musica folk ha scritto e inciso Calabria grandi e amara, parole e musiche dei testi abbinate a canzoni scritte dal padre Vincenzo Lacquaniti, casa discografica Scordino, 1987. E' autore di volumi di liriche tra cui Cittadini in questo mondo di cartone, Barbaro Editore, 1977; Anch'io a modo mio ho incontrato Cristo, Edizione Bieffe, Polistena, 1979; Dentro l'uomo, Carello Editore, 1981; Solèo, Inviato ad amare, Edizione Anla, 1982; Dall'Isola Mediterranea, Edizioni Bieffe, Polistena, 1987;Da Tropea ali d'angelo dedicato alla madre 2001. Attore e regista professionista, ha collaborato dal 1988 al 1998 con l'Accademia d'Arte Drammatica della Calabria di Palmi, lavorando in diverse occasioni come aiutoregista e collaboratore scenico con Alvaro Piccardi, Daniela Bonsch, Giancarlo Sammartano, Livio Galassi, Guido De Monticelli e Riccardo Vanuccini. Per il cinema italiano come attore non protagonista nel film Un bambino in fuga con la regia di Mario Caiano; nel film La corsa dell'innocente con la regia di Carlo Carlei; come collaboratore e arruolamento di alcuni attori nel film documentario Storia di un paese del Sud prodotto e curato da Gilles Rossellini. Nel 2003 ha collaborato con l'Istituto Geografico De Agostini alla raccolta di materiale utile per la stesura e la pubblicazione della Guida d'Italia-Calabria (2003). Ha ricevuto attestati, premi e riconoscimenti in concorsi di pittura, premi di poesia, prosa e teatro. Diverse poesie e scritti sono pubblicati in antologie e raccolte. LA FONDAZIONE DEL CENTRO DI PROMOZIONE CULTURALE E SOCIALE ...Era il 1975 quando partimmo per questa splendida ed avvincente avventura (con gli amici Giovanni Gangemi, Giuseppe Lacquaniti, Gaetano Grillea, Mario Santanoceto, Domenico Sorleti, Rocco Ciancio, Francesco Callà, Antonio Lacquaniti, Michele Spataro) durata quasi 13 anni e innumerevoli sono state le manifestazioni realizzate, tra queste il Premio Nazionale di Poesia ogni anno dedicato a personaggi illustri di Rosarno. Anche se il tempo ha lasciato ormai spazio ad altre esperienze, non essendo più tra noi molti amici e compagni di vita, ogni qual volta ritorno al paese natio, molti, nonstante l'incuria degli anni, vorrebbero ancora ridare vita a quello che è stato, rifondare qualcosa di nuovo, per ridare linfa ad un paese che come Rosarno sembra essere stato tra le idee ispiratrici per Jose Feliciano.."Paese mio che stai sulla collina / disteso come un vecchio addormentato ( ...)Che sarà? che sarà? che sarà?...Per la pittura da ragazzo ha avuto una passione per il disegno che con il passare degli anni è diventata una compagna della sua vita artistica...Ha iniziato a fare mostre dal 1980...Nel 1983 al Valentianum di Vibo Valentia ha esposto le sue opere con l'inaguarzione alla quale ha partecipato il Prof.Vincenzo ZICHICHI...Si definisce un POETA che dipinge,esponendo nelle sue personali le sue poesie pubblicate in diversi volumi e antologie...La vera passione è la sua terra di Calabria e la storia della Magnagraecia dalla quale trae ispirazione,per sensibilizzare il mondo culturale sociale e politico. Ha realizzato personali di pittura e partecipato a collettive .
  • Ulisse e Penelope
  • la bagnarota
  • Il paese dei farisei
  • Le spigolatrici  di Sapri
  • Volo di gabbiani su vasi medmei
  • Il gallo e il vaso greco

Commenti sulle opere di Antonio Lacquaniti:

TROVERETE NEL MIO SPAZIO PITTORICO IL MARE,LO STROMBOLI,le barche che spesso diventono protagoniste e non hanno personaggi...perché...Ognuno deve prendere il coraggio lanciandosi nel proprio mare la VITA...Aprire la vela proseguendo verso mete di conoscenza...Ho passato molti anni della mia prima adolescenza A Nicotera Marina con i pescatori che mi hanno comunicato il loro amore e rispetto per il Mare...Che i Romani avevano chiamato MARE NOSTRUM...(l'autore)
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Silente attesa - lunedì 14 dicembre 2015 alle ore 09:19
Se non si superano i propri limiti non riusciremo ha generare la nostra liberta'...Il filo spinato diventa il segno di uno spazio che ci divide da Mateci(Mareterra cielo)...oltrepassarlo vuole dire superare le proprie paure e limiti...Chi rimane sufficiente o mediocre non da un segno e senso a questa esperienza che è la vita...unica e irripetibile.(l'autore)
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Passero solitario Omaggio a Giacomo Leopardi - lunedì 14 dicembre 2015 alle ore 09:27
Se non si superano i propri limiti non riusciamo a generare la nostra liberta'...Il filo spinato diventa il segno di uno spazio che ci divide da MATECI(mareterracielo)...Oltrepassarlo vuol dire superare le proprie paure e limiti...Chi rimane sufficiente o mediocre non da un segno e un senso a questa esperienza che è la vita...unica e irripetibile.(l'autore)
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Passero solitario Omaggio a Giacomo Leopardi - lunedì 14 dicembre 2015 alle ore 09:36

 Una scena essenziale: MATECI. Mare. Terra. Cielo. Un passato di gloria, spezzato, consumato, fallito?, di armonia e perfezione si circonda di grigiume e spazzatura. la scena è protesa verso la speranza: il mare. Un chiaro messaggio di condanna sul presente contemporaneo e la gioia di vivere derivata dall'ispirazione del Mito. Eolo da dietro lo Stromboli all'orizzonte sembra scioperare: tutto è immobile quiete. Il tempo è cristallizato nella scena che sembra porre la domanda: esiste un futuro? Rodolfo Lacquaniti jr


commento di Rodolfo Lacquaniti Jr sull'opera Reperto medmeo sulla spiaggia - lunedì 14 dicembre 2015 alle ore 14:08

Vedo con piacere che sei molto prolifico, complimenti


commento di Intarsiatore sull'opera Fichidindia al tramonto - mercoledì 16 dicembre 2015 alle ore 14:57

 Grazie di cuore x il bellissimo commento detto da te ihe sei un artista molto completo mi lusinga molto,belle tutte le tue opere complimenti !


commento di Laura B. sull'opera colonna greca al mare - lunedì 11 gennaio 2016 alle ore 14:11
bella interpretazione complimenti.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera rose sopra a fili spinati - mercoledì 13 gennaio 2016 alle ore 18:23
Colori e trasparenza molto bello, espressivo. Le sue opere meritano di essere votate per la sua originalità e semplicità. Anch'io devo ringraziarti per quelle bellissime parole che ai scritto, grazie per le preferenze e ti saluto cordialmente ciao Gianfranco.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Nobildonna con tulipani - giovedì 14 gennaio 2016 alle ore 19:29
stupenda opera metafisica.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Dea medmea - giovedì 14 gennaio 2016 alle ore 19:32
complimenti e grazie per i tuoi commenti così poetici!
commento di Gabriella Dumas sull'opera Uve e barca assolate sull'infinito - giovedì 14 gennaio 2016 alle ore 20:43

 Grazie mille per le bellissime e importanti parole che lei ha dedicato alla mia opera ''Sfumature di tenebra'' un saluto Carola Lezzi


commento di Carola sull'opera Creazioni artistiche nella veranda - venerdì 15 gennaio 2016 alle ore 22:41
Mi piace molto quest'opera i colori si accostano molto bene, anche la cornice e favolosa.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera La profetessa Manto ,indovina di Capo Vaticano nella Magnagraecia - sabato 16 gennaio 2016 alle ore 19:11

 Molte grazie per il tuo gentilissimo commento sulla mia opera e complimenti a te per le tue. Sei molto sensibile. Grazie di cuore.

Marilena Corallo

 


commento di Marilena Corallo sull'opera A barca du zi Ntonj - domenica 17 gennaio 2016 alle ore 09:37
La storia e le culture di un territorio non possono essere cancellate o modificate...dimenticare il passato vuol dire perdere la propria identità. I colori nell'arte devono anche servire per sensibilizzare la società e le persone, perché un domani i nostri figli e le future generazioni ,capiscono del nostro sforzo culturale e artistico per aver contribuito, nel nostro piccolo, a cambiare modi e usi a volte non consoni, in civiltà dette progressiste. Antonio Lucio Rudy Lacquaniti
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Ritorno alla storia dei Bizantini in Calabria - lunedì 18 gennaio 2016 alle ore 10:48
Diversi paesi della costa della Calabria, lunga quasi 800Km,sono stati abbandonati o ci vivono poche famiglie oppure si sono trasferiti in questi posti artisti stranieri o famiglie di pensionati , che vogliono vivere una vita più tranquilla , lontani dal chiasso frenetico delle citta'...In diversi casi sono diventati occasione di restauro e recupero in altri casi l' erbacce e i rovi hanno preso posto alla semplice urbanità dei luoghi . Per questo quando scendo in Calabria la giro in lungo e in largo per rubare con la macchina fotografica o con il cellulare le bellezze di questi paesi a volte come fantasmi che si lasciano visitare nelle sere estive . Antonio Lucio Rudy Lacquaniti
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Scalea antica: Borgo incantato sul mare - lunedì 18 gennaio 2016 alle ore 11:05
Diversi paesi della costa della Calabria, lunga quasi 800Km,sono stati abbandonati o ci vivono poche famiglie oppure si sono trasferiti in questi posti artisti stranieri o famiglie di pensionati , che vogliono vivere una vita più tranquilla , lontani dal chiasso frenetico delle citta'...In diversi casi sono diventati occasione di restauro e recupero in altri casi l' erbacce e i rovi hanno preso posto alla semplice urbanità dei luoghi . Per questo quando scendo in Calabria la giro in lungo e in largo per rubare con la macchina fotografica o con il cellulare le bellezze di questi paesi a volte come fantasmi che si lasciano visitare nelle sere estive . Antonio Lucio Rudy Lacquaniti
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Scalea antica: Borgo incantato sul mare - lunedì 18 gennaio 2016 alle ore 11:05
Questo quadro è un omaggio al famoso archeologo di Rovereto che fu l'artefice nel 1912/14 degli scavi dell'antica Medma in Calabria...In una fossa o favissa votiva trovo' 500 cavallucci di terracotta ex voto dei soldati medmei per ringraziare la Dea Persefone per la vittoria sui crotoniati...VI°e V° secolo a.C.
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera I cavallucci di Medma Due -omaggio a Paolo Orsi - venerdì 22 gennaio 2016 alle ore 18:59

 Molto epsressivi i tuoi lavori...si vede l'impegno e la passione. Complimenti!


commento di Marilena Corallo sull'opera Creazioni artistiche nella veranda - domenica 24 gennaio 2016 alle ore 12:39

 naif ben eseguito, complimenti !!!!


commento di Mauro Bombelli sull'opera Paesi senza suoni e parole:muti - martedì 26 gennaio 2016 alle ore 08:29
La narrativa che studiai alle medie Cristo si è fermato a Eboli di Carlo Levi, è stato uno scrittore e pittore più significativi del novecento, bella interpretazione complimenti.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Cristo si è fermato a EBOLI - martedì 26 gennaio 2016 alle ore 19:39

Le sagome circondano il paesaggio quasi a presagire un futuro di svuotamento per il genere umano. L'anima del paesaggio è  parte integrante delle figure quasi a voler lasciare il dubbio che il mondo sia dentro di esse o esse dentro il mondo. Il filo che si apre rappresenta lo sfondamento di questo pregiudizio critico da osservatori di parte...in fondo Antonio sembri volerci lanciare un monito di riconciliazione col mondo. L'olocausto purtroppo ci ha allontanati come esseri umani da quella riconciliazione e sta alla nostra coscienza moderna volere riappropriarsi di quel nostro sacro io che custodiamo ingrati dalla notte dei tempi dentro di noi. Dentro l'uomo in fondo si nasconde il segreto dellAmore che nella tua opera è rappresentato dalla luce del l'aurora.  Lo Stromboli incornicia il tutto, marchio di fabbrica del tuo dipingere.  Complimenti sinceri. Rodolfo Lacquaniti JR 


commento di Rodolfo Lacquaniti Jr sull'opera A tutte le vittime dell'Olocausto - mercoledì 27 gennaio 2016 alle ore 20:28
come si può passare inosservato di fronte ad un'opera cosi grandiosa, sia dall'aspetto artistico ma soprattutto umano.il dipinto è molto realistico all'olocausto molto rappresentativo, apprezzo tantissimo il tuo gesto simbolico e ti ringrazio vi vero cuore per avere scelto la mia opera. Ti saluto cordialmente con affetto Gianfranco.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera A tutte le vittime dell'Olocausto - giovedì 28 gennaio 2016 alle ore 20:48

 Complimenti x le tue opere, ti ringrazio tantissimo x il bel commento un caro saluto!


commento di Laura B. sull'opera Silenzi di preghiera - sabato 30 gennaio 2016 alle ore 10:43
Nelle tue opere c'è una grandissima spiritualità. I tuoi non sono semplici paesaggi, sono poesie, venate ora d'amore, ora di malinconia, e parlano al cuore. E' vero, nella vita c'è tanta, troppa solitudine, e spesso quello che vorremmo dire non sarebbe compreso. Scusami se tardo tanto a rispondere, ma ho poco tempo a disposizione.
commento di Irene Pazzaglia sull'opera Il paese di nessuno - domenica 31 gennaio 2016 alle ore 11:48
Nelle tue opere c'è una grandissima spiritualità. I tuoi non sono semplici paesaggi, sono poesie, venate ora d'amore, ora di malinconia, e parlano al cuore. E' vero, nella vita c'è tanta, troppa solitudine, e spesso quello che vorremmo dire non sarebbe compreso. Scusami se tardo tanto a rispondere, ma ho poco tempo a disposizione.
commento di Irene Pazzaglia sull'opera Il paese di nessuno - domenica 31 gennaio 2016 alle ore 11:48
Nelle tue opere c'è una grandissima spiritualità. I tuoi non sono semplici paesaggi, sono poesie, venate ora d'amore, ora di malinconia, e parlano al cuore. E' vero, nella vita c'è tanta, troppa solitudine, e spesso quello che vorremmo dire non sarebbe compreso. Scusami se tardo tanto a rispondere, ma ho poco tempo a disposizione.
commento di Irene Pazzaglia sull'opera Il paese di nessuno - domenica 31 gennaio 2016 alle ore 11:48
questo è veramente meraviglioso. ti lascia senza fiato.
commento di Irene Pazzaglia sull'opera Assalto di colori dal bellavista di Palmi - domenica 31 gennaio 2016 alle ore 11:49
Fa sognare tantissimo...
commento di Irene Pazzaglia sull'opera Lampione alla sera nel vicolo - domenica 31 gennaio 2016 alle ore 13:34

Gentile Antonio , ti ringrazio per le belle parole , per i voti ed i complimenti che ricambio per le tue opere così piene di colore e nostalgia per il sole della nostra bella e amara terra 


commento di Tiziana Marra sull'opera Fiori lilla e margherite che circondano un vaso medmeo - mercoledì 03 febbraio 2016 alle ore 19:27

Ti ringrazio,molto gentile


commento di Lucille sull'opera Assalto di colori dal bellavista di Palmi - mercoledì 03 febbraio 2016 alle ore 20:36
Veramente molto significativo, una bellissima sintesi pittorica sul problema dell' olocausto.Bravo!
commento di Gabriella Dumas sull'opera A tutte le vittime dell'Olocausto - sabato 06 febbraio 2016 alle ore 20:27

Bravo, usi molto il segno e questo a me piace; (mi ricorda tanto la Sardegna).


commento di Raffaele Martin sull'opera La pecorella e i vasi smarriti - martedì 09 febbraio 2016 alle ore 15:24
bello il titolo dell'opera, sfumature e colori creano un'atmosfera stupenda. ciao Antonio
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Poesia e amore segreto in un paese del sud - venerdì 12 febbraio 2016 alle ore 21:53

 suggestivo,bello!!


commento di Laura B. sull'opera il volo della colomba di pace - sabato 13 febbraio 2016 alle ore 14:39

 Significativo!!


commento di Laura B. sull'opera Madre Calabria grande e amara - sabato 13 febbraio 2016 alle ore 14:40

MOLTO ORIGININALE MI PIACE COMPLIMENTI X LE SUE OPERE CIAO.


commento di Nicola Emiliano sull'opera Ulisse e Penelope - giovedì 18 febbraio 2016 alle ore 10:27

Carissimo Antonio, grazie infinite per la sua attenzione e sue le parole così dolci. Penso che la curiosità finche vive merita rispetto e gratitudine, perché scruta nel cuore altrui. Se devo essere sincera, la perfezione mi ha un po' stufata, così come la qualità finale di un operato, poiché al solo pensiero di non essere perfetto e volerlo cambiare, ahimé sarebbe perduto il vero amore. Grazie, perché con le sue opere mi ha riportato alle mie radici magnogreche, alla mia infanzia giocosa, libera e spensierata, con radici profonde e segreti dimenticati sul fondo del mare, l'anima. Spero di risentirla presto, con sincerità e naturalezza.

Mariagiovanna


commento di Mariagiovanna Basile sull'opera Il gallo e il vaso greco - venerdì 19 febbraio 2016 alle ore 22:18
Cari Amici Artisti , ieri il Santo Padre Francesco ha fatto un appello ai governi del mondo per far finire le guerre. In molte parti del nostro pianeta c'è gente che muore , scappa anche per la fame e soprattutto BAMBINI che rimangono orfani... Noi invece a sparare giudizi ,commenti ,parole...parole ...parole che spesso non hanno nessun senso... Diamo un senso ai nostri colori, alla nostra arte pitturiamo le nostre tele con la Parola Pace...Non più guerra... Non rimaniamo affacciati dal nostro terrazzo di artisti a guardare...Ognuno di noi faccia un quadro riferito alla non guerra , alla non violenza nei confronti di popoli , di culture , di religioni e di storia dell'umanità... Preciso che non sono un attivista di nessun partito politico ma questo nasce dal mio cuore di persona...perché nessuno ha il diritto di togliere la vita a nessuno. Diamo un segno e un senso ai nostri COLORI. Cordialmente Antonio Lucio Rudy Lacquaniti
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Gli eroi vanno in guerra - lunedì 22 febbraio 2016 alle ore 10:09
Ciao Antonio apprezzo molto il tuo pensiero e mi associo pienamente con tè. Credo che siamo arrivati ai tempi della fine, per quanti sforzi possa fare il santo Padre per pacificare questo mondo perverso e malato, dove regna il male e fa da padrone. Io credo che Solo nostro Signore Gesù Cristo che con la sua venuta come egli stesso a promesso verrà sulla terra con potenza e gloria a porre fine a questo sistema, lo spero tantissimo. Cordialmente ti saluto Gianfranco.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Gli eroi vanno in guerra - martedì 23 febbraio 2016 alle ore 19:48
Bella interpretazione del soggetto, speculazione edilizia è una piaga sociale senza fine.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Don Chisciotte contro la speculazione edilizia - martedì 23 febbraio 2016 alle ore 19:57
Il titolo è allusivo nel sottolineare che spesso tutto è lasciato all'indifferenza e all'abbandono dei siti soprattutto al Sud. Questo quadro vuole essere un invito a tutte le autorità politiche che serve un attento processo di riqualificazione dei siti archeologici e personale addetto alla salvaguardia. Spesso i turisti attraverso i libri e internet arrivano ai siti archeologici o musei trovandoli chiusi... Meditate gente...meditate.
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera le pecore e le capre amano l'archeologia - domenica 28 febbraio 2016 alle ore 18:52
Il titolo è allusivo nel sottolineare che spesso tutto è lasciato all'indifferenza e all'abbandono dei siti soprattutto al Sud. Questo quadro vuole essere un invito a tutte le autorità politiche che serve un attento processo di riqualificazione dei siti archeologici e personale addetto alla salvaguardia. Spesso i turisti attraverso i libri e internet arrivano ai siti archeologici o musei trovandoli chiusi... Meditate gente...meditate.
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera le pecore e le capre amano l'archeologia - domenica 28 febbraio 2016 alle ore 18:52
Questo quadro è un omaggio ai tre grandi del teatro greco SOFOCLE, EURIPIDE ,ESCHILO...Ovviamente hanno lasciato molte opere che ancor oggi varcano gli spazi scenici. Avendo fatto teatro amatoriale prima e dopo professionistico ho apprezzato per molti anni le prime del teatro antico di Siracusa , che hanno visto un personaggio come il prof. Monaco studioso e direttore della scuola,un combattivo per la messa in scena delle opere e gli studi di arte drammatica. Ricordare questi antichi scrittori di teatro mi è sembrato un dovere di chi ,come tanti altri attori vivono il loro lavoro con passione , amore.
commento di Antonio Lacquaniti sull'opera omaggio a Sofocle , Euripide e Eschilo - domenica 28 febbraio 2016 alle ore 19:02

 Grazie grazie grazie Antonio del commento che ha lasciato nella mia pagina e nell'opera IL SILENZIO!  Ricambio i complimenti perchè guardando le sue opere sembra leggere tanta poesia! Mi sento ancor di più onorata dei suoi complimenti  leggendo la sua biografia! Bello il teatro! Se potessi tornare indietro mi cimenterei proprio a fare l'attrice di teatro! La prossima estate (forse) la mia destinazione saranno le Eolie!!!

Ancora complimenti per la sua bellissima carriera artistica a tutto tondo!

 


commento di Floriana Pace sull'opera case nel futuro bisantino - martedì 01 marzo 2016 alle ore 01:22
Complimenti per queste due belle opere, noto che; l'isoletta è sempre visiva nelle tue opere, e come lasciare un'impronta personale che ti fa contraddistinguere bravo continua sempre cosi ti saluto con affetto ciao.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera un gabbiano si riposa sul fichidindia - martedì 01 marzo 2016 alle ore 15:57
Bella l'idea e l'interpretazione dovrei anch'io associarmi e creare un'opera del genere, per dare un messaggio a questi politici corrotti senza scrupoli. Anche nel mio territorio esiste un sito di notevole importanza denominato (le muraglie di Annibale 3°-4° secolo prima A.C)ma purtroppo è abbandonato a se stesso come ogni altra cosa e una vergogna sociale.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera le pecore e le capre amano l'archeologia - martedì 01 marzo 2016 alle ore 16:30

E' un ricordo delle vendemmie  a Paravati nelle vigne dei miei cugini , dove ho passato tanti momenti

Belli  e insieme a noi c'era Natuzza cresciuta con i miei

Parenti.

 


commento di Antonio Lacquaniti sull'opera La padrona con cappello nella vigna - sabato 05 marzo 2016 alle ore 13:32

 I tulipani erano fiori che mio padre amava insieme alle dalie...ritirava i bulbi dall'Olanda..

E' rimasto il ricordo dei colori di questi fiori che li ho chiamati "tulipani  mediterranei"


commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Tulipani medmei - lunedì 07 marzo 2016 alle ore 21:24

 Questa tela la dedico a mio cugino Toto' scomparso

pochi giorni fa...Lui era un colosso grasso e maestoso

Io piccolino di tre anni...era l'unico con il quale oltre a mia madre a fare il bagno al mare di Nicotera Marina.

Ora nel silenzio dei luoghi alzo una preghiera da questa

Spiaggia deserta dedicata al colosso di Toto'...


commento di Antonio Lacquaniti sull'opera sera tranquilla d 'estate - domenica 13 marzo 2016 alle ore 16:54
belli i tuoi quadri.In questo manca la profondita'con le due gobbe (scherzo) che mi incuriosiscono molto. cosa sono una tua firma ? complimenti!!!!
commento di Eros Pagnanini sull'opera Tulipani rossi mediterranei - lunedì 21 marzo 2016 alle ore 23:16

 Queste gradazioni di viuola, azzuro e grigio sono paticolarmente indovinate.


commento di Mario32 sull'opera Vasi greci sotto l'albero di limoni - mercoledì 30 marzo 2016 alle ore 21:07
Bella interpretazione complimenti.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Violini e viola ormai silenti al tramonto - lunedì 04 aprile 2016 alle ore 20:22

Sentimento e malinconia espressi, in arte "Naif"...

Bello!


commento di Lysa Z. sull'opera La bicicletta di mio padre - sabato 07 maggio 2016 alle ore 17:10

 suggestivo


commento di Ninetta sull'opera Luce del lampione nel vicolo - sabato 07 maggio 2016 alle ore 18:31

 grazie,i tuoi dipinti sono tutti molto interessanti e originali


commento di Ninetta sull'opera La terrazza dei gabbiani - domenica 08 maggio 2016 alle ore 21:47

 grazie,i tuoi dipinti sono tutti molto interessanti e originali


commento di Ninetta sull'opera La terrazza dei gabbiani - domenica 08 maggio 2016 alle ore 21:47

 COMPLIMENTI BELLE OPERE CIAO


commento di Nicola Emiliano sull'opera Il senso della liberta' - domenica 29 maggio 2016 alle ore 10:29

Opere  belle e significative, ogni opera è una storia narrante.


commento di Danielle sull'opera Barca che aspetta la sera - lunedì 13 giugno 2016 alle ore 07:45

 Casissimo Antonio, grazie per quanto mi hai scritto. Osservando tutti i tuoi lavori ho notato che, in quasi tutti, è ricorrente un'isola a due punte. E' riferita ad un isola della tua terra o un'isola immaginaria?. Con stima  Damiano Messina

 


commento di Damiano Messina sull'opera Il pescatore extracomunitario - lunedì 13 giugno 2016 alle ore 09:18
Ciao Antonio anche io ti saluto cordialmente con affetto,e complimenti per questa bellissima opera.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Eravamo piccoli ladruncoli di ciliegie - mercoledì 15 giugno 2016 alle ore 19:56
Questa tela e davvero speciale, molto bella la rappresentazione simbolica, anche dal punto di vista pittorico. Il mio augurio e che un giorno si possa vivere in pace senza più guerre.
commento di Gianfranco Pisano sull'opera Spine nel cuore dalle guerre - mercoledì 15 giugno 2016 alle ore 20:12

 Ciao Antonio, mi piace molto, è un'atmosfera che mi emoziona complimenti Silvia

 


commento di Silvia Ed Il Colore sull'opera Nausica, foglie su sogni autunnali - mercoledì 15 giugno 2016 alle ore 21:56

 bella!!

simpatico a mio avviso il titolo dell'opera ,che rappresenta in pieno il lavoro.


commento di Danielle sull'opera la signorina Clotilde ritorna dall citta' - lunedì 25 luglio 2016 alle ore 19:29

 originale nei suoi particolari.

 

complimenti


commento di Danielle sull'opera Ragnatela - lunedì 25 luglio 2016 alle ore 19:31

Avvolgono con braccia così evanescenti da immaginarne il profumo del tempo affettivo delle pennellate decise pur nel riserbo.


commento di Anna Ladisi sull'opera Tulipani medmei - martedì 02 agosto 2016 alle ore 18:32

Avvolgono con braccia così evanescenti da immaginarne il profumo del tempo affettivo delle pennellate decise pur nel riserbo.


commento di Anna Ladisi sull'opera Tulipani medmei - martedì 02 agosto 2016 alle ore 18:32

 bello


commento di Mva sull'opera Le spigolatrici di Sapri - giovedì 15 settembre 2016 alle ore 13:11

 E' una domanda che ho fatto a me stesso e che lascio

Come riflessione a tutti gli artisti...facciamo arte per

Vane glorie o per lasciare una traccia  alla società..?!.. Ma

 

...ai posteri l"ardua sentenza.

 


commento di Antonio Lacquaniti sull'opera Il senso della verità negli artisti... - giovedì 13 ottobre 2016 alle ore 18:03

 Bellissimo! Magico....


commento di Elena Trimarchi sull'opera Il cavallo di Medma nella guerra contro Kroton - mercoledì 19 ottobre 2016 alle ore 23:04

Ognuno credo abbia le proprie motivazioni,personalmente l'arte "pittorica" mi permette di esprimere il mio essere,il mio pensiero,il mio inconscio.


commento di Lucille sull'opera Il senso della verità negli artisti... - venerdì 21 ottobre 2016 alle ore 12:58

 molto delicato , bellissima la dedica


commento di Ori sull'opera Miracoli in conchiglie per bambini leucemici - martedì 25 ottobre 2016 alle ore 09:34

 molto bello e delicato,  malgrado il tema complimenti 


commento di Ori sull'opera A tutte le donne che subiscono violenze - venerdì 28 ottobre 2016 alle ore 08:40

 Bellissimo e bellissima la dedica speri

amo che un giorno ogni forma di sopruso sparisca complimenti Antonio


commento di Ori sull'opera A tutte le donne prigioniere di egoismi e violenze umane - mercoledì 23 novembre 2016 alle ore 11:52
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici