Faraoniko

Faraoniko Dario Faraon
Chirignago (VE)

Iscritto dal
23/11/2011
Categoria: Musicisti, Scultori

Opere inserite: 0

Visualizzazioni profilo: 745

Voti ricevuti: 0


Data di nascita: 01/12/1978
Residenza: Chirignago - VE
Telefono: 3482439976


Robotik Experience è un progetto nato nella strada e precisamente nella Carretera Andalusa dove D&D (Dario e Dario) ,durante l’anno 1998, iniziarono un percorso di meccanici-artisti-musicisti che li vede presenti in discoteche, festival, palazzi, teatri e ovunque ci sia la possibilità di esprimere il loro spirito creativo.
Attraverso la raccolta di materiale costituito da reperti di deriva urbana, hanno creato due sculture robotiche.
Si tratta di due Esoscheletri nati dai resti di auto, moto e scooter abbandonati in giro per le città. Sono opere d’arte evocatrici di lugubri spettri di archeologia contemporanea che hanno lo scopo di far rivivere quello che gli altri buttano via.
Lo spirito dei creativi-riciclatori o meccanici-artisti è ripreso dalla filosofia di vita dei Mutoid Waste Company nati a Londra nel 1985 dalla scena post punk, dove l’obiettivo era ed è quello di cambiare l’ambiente in cui si vive creando delle avvincenti provocazioni con variopinte mutazioni di ambiente: l’idea è di rappresentare sempre qualcosa di originale ‘lasciandosi trasformare’.
Faraon Dario e Falzari Dario essendo anche appassionati della lavorazione del legno e della cultura delle ‘Origini’ (Africa e Australia), fondano così, durante l’anno 2000, i progetti Diggiri-Tam e Didgeridoo-Experience che li portano a fare diverse esperienze nell’ambito Etno-Elettronico: sono i primi ideatori del Didgeridoo (strumento a fiato aborigeno) stagionato in acqua salata e scavato internamente, inoltre sono i primi creatori al mondo di Didgeridoo in vetro soffiato a Murano, isola della laguna di Venezia.
Con queste invenzioni-creazioni è venuto loro in mente di dare forma ad un progetto che vuole fondere la preistoria degli strumenti primordiali al futurismo robotico.
La performance che viene così a crearsi nel 2009 è chiamata Didgeridoo Robotik Experience (vincitori On the Road Busker Festival 2010 di Pelago) : è costituita da due esoscheletri con forme robotiche che animano l’ambiente camminando, ballando e coinvolgendo il pubblico grazie all’ausilio di luci e vari effetti; il didgeridoo ( e strumenti armonici di varie provenienze) con le percussioni, invece, vanno ad inserirsi nel evento in maniera unica ed originale creando quell’atmosfera ricca di colpi di scena che vede coinvolgere tutti i presenti indistintamente dall’età o dall’appartenenza sociale.
Durante l’estate 2011 in occasione di Etnica Festival a Vicchio del Mugello, grazie alla collaborazione di Isis' Cats, debuttano con un nuovo spettacolo.
Veli misteriosi, movimenti ipnotici e sonorità robotiche, fondono la danza del ventre, la Gothic Bellydance con una performance che vede gli stessi Robotz suonare: il Robot Maschio suona il Didgeridoo mentre il Robot femmina percuote un tamburo denominato ‘TremaTerra’, tutto addolcito dalle danzatrici cyborg (Silvie ed Annie) che utilizzano costumi e movenze molto particolari.
Disponibili per performance in Italia ed Estero.
 

Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici