Genomacontemporary

Genomacontemporary Genoma Contemporary
Venezia (VE)

Iscritto dal
08/07/2011
Categoria: Pittori, Scultori, Altro, Fotografi

Websites: GenomaContemporary 

Opere inserite: 0

Visualizzazioni profilo: 966

Voti ricevuti: 0


Data di nascita: 07/03/1989
Residenza: Venezia - VE

>Comunicato stampa: "Genoma Contemporary" Evento di Arte contemporanea e New Media presso l'Ex Padiglione del Galles nel contesto della 54a Biennale di Venezia"

 

“Genoma Contemporary. Virtual, Real, Geolocalized”

 

Evento Internazionale di Arte Contemporanea e New Media in occasione della 54a Biennale di Venezia | 2011

 

Ex Padiglione del Galles, Spazio Punch, Giudecca 800/o, 30133 Venezia

 

-----------------------------------------------------

Curatrice: Dott.ssa Oriana Carrer

Co-Curatore: Juan Saravi Platero

-----------------------------------------------------

 

Artisti coinvolti: MAKOTO KOBAYASHI - Japan, STEFANO MITRIONE - Italy, MARYANNE POLLOCK - United States, ANDRZEJ RAFALOWICZ - Poland - TIM SLOWINSKI - United States, JURGEN STOLTE -Germany, ARKIV VILMANSA - Indonesia, ALKISTIS WECHSLER - United Kingdom

 

 

Il Genoma è il corredo di cromosomi contenuti in una cellula di un organismo. Il Genoma include i "Geni" e il "Dna" del patrimonio genetico di ciascun essere umano, e, in quanto tale, ci rende potenzialmente diversi gli uni dagli altri pur provenendo dallo stesso progenitore. Così gli Artisti coinvolti in Genoma includono e sono loro stessi i "Geni" contenuti nella "Cellula" dello spazio espositivo, e ne contengono a loro volta i "Cromosomi" da cui nascono le Idee del processo espositivo stesso. Genoma è l'insieme di spazio, soggetti e oggettività della metamorfosi artistica. In quest'ottica sono stati selezionati gli artisti di questa mostra voluta nel contesto della Biennale di Venezia dalla sua curatrice, Oriana Carrer, e da  i suoi ideatori e organizzatori, Virtualgeo Srl e Base.exib Design Tm, per ipotizzare il dialogo invisibile tra Umanità e Tecnologia, emozione e calcolo, reale e virtuale. Ne nasce un inaspettato Mix di cortocircuiti dialettici sorprendenti, capace di porre lo spettatore di fronte ad una scelta dove i confini sono visibili in quanto dati dalla diversita dei Media utilizzati, ma il flusso di informazioni trasmesse si alternano in modo invisibile tra le molteplici diversità soggettive ed oggettive, creando a loro volta un Micro-organismo autosufficente come infatti è la Cellula. Quindi Genoma come impronta genetica nell'Arte, oggi, ma anche nella musica, ieri. Di fatto chi non ricorda il gruppo Veneziano che dieci anni fa spopolava con le sue atmosfere Hip Hop nei quartieri di Trieste e Venezia. Ed è anche vero che l'Arte non ha tempo ne spazio e cerca ovunque le sue fonti di ispirazione. Quindi Nebo e Nasdaq, fondatori del gruppo Genoma, collassano su un ipotetica dimensione visiva di un nome che ha fatto la storia nell'underground Veneziano, e che oggi sembra rivivere nei nomi di sette Artisti Internazionali: Makoto Kobayashi, Stefano Mitrione, Maryanne Pollock, Andrzej Rafalowicz, Tim Slowinski, Jurgen Stolte, Arkiv Vilmansa e Alkistis Wechsler. Il prodotto che ne risulta è un evento multimediale nel contesto della 54a Biennale di Venezia e diretto da Oriana Carrer, ormai considerata da molti un icona per quanto riguarda Tendenze e Colore, capelli biondissimi e grandi occhiali neri che celano uno sguardo magnetico alla portata di pochi. Lei che esordische dopo una Laurea in Storia dell'Arte coronata di un "pesante" 110 con lode, nientemeno che alla Biennale Giovani di Barcellona. Loro, gli invisibili coordinatori dell'intero nuovo Genoma Contemporary, e parliamo di Erminio Paolo Canevese, presidente della Virtualgeo Srl, Azienda dal carattere fondamentalmente Internazionale, e Leonardo Kucharski, Co-fondatore della Base.exib Design in USA, seguiti da una nutrita schiera di professionisti e addetti che compongono il retro-scena di Genoma. Si sa ormai tutto di loro, come pure dello spazio espositivo, nella fattispecie l'Ex Padiglione del Galles (UK) che da quest'anno ha levato le ancore per la nuova sede di Santa Maria Ausiliatrice dove esporrà il ben noto Tim Davies con la curatela del gallerista Londinese Tom Rowland. Così Genoma Contemporary ha l'arduo compito di tenere in vita uno spazio celebre, sia appunto per il suo "DNA genetico", sia anche per le celebrità Britanniche che negli ultimi otto anni (ben quattro Biennali), hanno saputo infondere un'eccellente imprinting "cromosomico". Artisti del calibro di Paul Seawright, Cerith Wyn Evans, Simon Pole, Bethan Huws, Peter Finnemore, Laura Ford, Paul Granjon, e più di recente Richard Deacon e John Cale.

------------------------------------------------------------------------------------------

Durata dell’evento: dal 3 Settembre al 26 Novembre 2011

Inaugurazione: 3 Settembre 2011. ore 16

------------------------------------------------------------------------------------------

 

Ufficio stampa:

JAYANTA

 

+39 041.887.6435    voce

+39 041.810.64928  fax

 

jayanta@base-exib.com

www.genomacontemporary.com

Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici