Laura Respiggi

Laura Respiggi Laura Respiggi
torino (TO)

Iscritto dal
14/04/2016
Categoria: Pittori

Websites: paintings  artlynow 

Opere inserite: 6

Visualizzazioni profilo: 287

Voti ricevuti: 1 Chi ha votato?


Data di nascita: 05/04/1959
Residenza: torino - TO

L'INCANTO DI UN SOGNO
NEI DIPINTI DELL'ARTISTA LAURA RESPIGGI
Un volo di angeli nell'azzurro terso: una meta lontana dove puntare. Molti dipinti dell'artista Laura Respiggi hanno questo tema. Talora ad avventurarsi verso l’infinito è la visione di armonie naturali, talaltra dolci colline che incontrano nuvole sospese, tra l'umidore dell'aria, mentre oniriche geometrie rendono ancora più surreali i paesaggi nell'intensità e brillantezza delle cromie. Ecco che allora, la splendida pittura di Laura Respiggi ha un che di trasognato e fiabesco: ci accompagna con discrezione, aprendoci nuovi orizzonti alla vita. Tutto paradossalmente scavalca le nuvole, tra immense distese di cielo e mare, come se i lirici paesaggi fossero una fuga dei pensieri. Come non seguire, idealmente questo viaggio utopico della fantasia? Metafore, ma vorrei dire apologhi morali che rivelano aspetti formalistici e psicologici dell’uomo nel perenne divenire delle cose. Così, la tensione verso il sogno e la poesia in un'apertura di spiritualità è coinvolgente. Da Magritte a Mirò, quindi, il mondo surreale di Laura Respiggi riesce mirabilmente a coniugare la sua fuga onirica con una sorta di estrema lucidità intellettuale, dove i quadri della memoria si abbandonano alle forze dell’inconscio e del sogno che percorrono i meandri della sua dimora esistenziale, mentre approda ad un'ambientazione astratta nell'immediata gestualità pittorica simbolicoespressionista. In tal modo, la prospettiva spaziale che Laura Respiggi attua è un elemento mobile e fantastico che supera i parametri rinascimentali: essa lievita nella mente, come se nascesse da un’ottica surreale, utopicamente allungata, dove affiora nel vigore emozionale un intenso colorismo nei gialli solari, grigi perlacei, verdi muschiati e rossi fiamminghi, simboli archetipi del sogno, del vagheggiamento e dell’irrealtà. Ecco perché, i soggetti rappresentati appaiono nella poetica dell’immaginario, mentre le visioni si dilatano, aprendosi ad una sovrana limpidezza intellettuale nella simbolica trasfigurazione del reale, in cui aleggia mistero e magica poesia. Sta qui la ragione del fascino, davvero unico, nei dipinti dell'artista Laura Respiggi: il perfetto connubio tra fantasia e razionalità, poesia e geometria, dove la convergenza di fattori che si rivelano apparentemente opposti creano una nuova “realtà irreale”. Alla fine, l’armonia totale tra forme e colori delle vedute trasognate ci trasporta lontano nell’avventura del sogno a occhi aperti. Si rimane attoniti, presi da calde visioni in una luminosità avvolgente, così limpide che rimandano ad una finissima lettura simbolica, dove l'arte non è soltanto estetica, ma veicolo di spiritualità, mentre si fa messaggio di valori in simbiosi con la poesia dell'universo.

 

Carla d’Aquino Mineo (Maison d'Art, Padova)

 

  • healing light
  • vita sotto luce e dolore
  • blue waves
  • la vita sotto il respiro di un angelo
  • crossing in the moonlight
  • l'attesa
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici