Minedi

Minedi Gabi Minedi
Roma (RM)

Iscritto dal
25/08/2010
Categoria: Pittori, Musicisti, Scultori, Scrittori, Fotografi

Websites: my space  faceboox  Minedi fan club

Opere inserite: 0

Visualizzazioni profilo: 1493

Voti ricevuti: 0


Data di nascita: 24/01/1964
Residenza: Roma - RM
Telefono: +393339515303


GABI MINEDI? UN URLO UN GARAGE ROTTO UNA PALUDE DI BENZINA UN GIOCATTOLO SPACCATO CON I PIEDI MENTRE FAI UNA PERNACCHIA AD UN BAMBINO UN MILLEPIEDI UN GELATO AL GUSTO DI STRACCIATELLA PERIODICA UNA RADICE DI LIQUIRIZIA QUADRATA UNA FRAGOLA VIOLA UNA GOMMA DI CAMION AVARIATA UN SORRISO IDIOTA UN PELO SUL NASO UN CULO CHE SALTA UN COLORE UN GRAFFIO UN RAGGIO DI LUNA NEL SOLE UNO SBADIGLIO IN FACCIA ALLA VOLGARITà DELLA MORALE CARTESIANA LETTA MALE...IN POCHE PAROLE UN COLORE CHE PARLA E UNA PAROLA CHE COLORA (PATRIZIO MARIA)

 

Con immenso piacere segnalo la Mostra e la Performance ''A cavallo della lumaca'' di Gabi Minedi in collaborazione con Vidal.
Minedi, Artista Indie, Underground e Rinascimentale e ''con il giusto Tic-Tac della bomba che sta per esplodere a momenti ed imbrattare di colore magnifico e deciso questo Mondo-Palazzo abitato da uomini grigi e carnivori''.
Vi ricordo inoltre che la Mostra Anti-Biennale in Venezia ''Twenty Pounds of Therica'' con Padrino il Filosofo Cacciari e realizzata in collaborazione con la Fondazione Luigi Nono andrà presto nelle Berlinesche e Londinesi Gallerie.
Seguirà catalogo Skira.
Promozione Pharmacy Industry Art Venice (solo grandi eventi)

Ad ospitare ad Ancona fino al 31 gennaio la rassegna, con tutta la sua intensa e impareggiabile carica vitale, è Artessenza, spazio rivolto all’arte contemporanea presso cui ha da poco chiuso i battenti l’altrettanto gradita mostra “Il dono per il gratuito” di Silvia Fiorentino. A Pescara, invece, contemporaneamente, l’energia esplosiva della Minedi è accolta da Hub by  Ferrini.
“The Blues” (visitabile nel capoluogo dorico dal lunedì al sabato dalle 16 alle 21), appositamente studiata in luoghi espositivi di due diverse città, propone un ciclo di lavori recenti in cui l’artista impiega e rielabora suggestioni derivanti dalla musica blues, dai principi delle installazioni, dal graffitismo metropolitano, da correnti letterarie con matrici tra loro assai differenti.
Questo mentre Gabi Minedi è stata chiamata a partecipare all’esposizione “Sagome/547”, promossa dal vice ministro per gli Affari Esteri Sen. Franco Danieli, in corso dal 18 gennaio alla Farnesina nella Sala Conferenze Internazionali, come omaggio ai bambini che, secondo il rapporto Unicef 2005 sulla condizione dell’infanzia nel mondo, muoiono ogni giorno a  causa di atti di guerra e di terrorismo. Ognuno dei centonovantatre maestri invitati, tra cui anche la Minedi, ha personalizzato una sagoma, alta un metro e venti, quanto l’altezza media di un bambino: tante sagome rappresentanti le biografie non vissute, “appartenenti ad un’umanità che non occupa più uno spazio fisico”.

Gabi Minedi

 

Alcatraz song

 

24 marzo-24 aprile 2011

 

Roma Lavatoio Contumaciale

a cura di Leonardo Faccioli

 

Ingreso gratuito 

Catalogo Station Gallery edizioni

Foto catalogo: Gabi Minedi e Joe Walsh

Ufficio stampa Station Gallery Roma

Piazza Perin Del Vaga, 4

00196 Roma

Tel. 3388085170

 

Gabi Minedi artista radicale ed indie della nuova scena underground internazionale con il giusto tic-tac della bomba che sta per esplodere a momenti ed imbrattare di colore magnifico questo mondo-palazzo abitato da uomini grigi e carnivori dopo il Gran Palais di Parigi, la Fiera Arco di Madrid, una Mostra personale in corso a Milano alla Galleria GAV di via Accademia, 56 e l'inserimento nella nuova prestigiosa Collezione Paglione-Olivares di artisti internazionali dal titolo 'La signora delle tartarughe' del noto Gallerista Alfredo Paglione cognato di Aligi Sassu della Fondazione Arte Crocevia di via Appiani, 1 ex Galleria 32 il 24 marzo torna nella capitale con una mostra personale di tre nuove opere nel Prestigioso ed ambito spazio Il Lavatoio Contumaciale di Roma Piazza Perin Del Vaga fondato ed appartenuto al critico Filiberto Menna con una performance di Bianca Menna alias Tomaso Binga sua moglie. L'artista Minedi sarà presente per brindare assieme a tutti i suoi amici e conoscenti. (Joe Gabriel Walsh)

23/06/2011

Su Gabi Minedi.

PharmacyIndustry Art Venice promuove: GRANDI SUCCESSI PER GABI MINEDI, NOSTRA ARTISTA RADICALE ED INDIE DELLA NUOVA SCENA UNDERGROUND INTERNAZIONALE, PRESENTE ALLA 54esima BIENNALE DI VENEZIA CON UNA MAXI OPERA ALL'ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA DI MADRID Padiglione Italia 54 Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia Gli artisti italiani all’estero: esposizioni in tutti gli 89 Istituti di Cultura Italiani all’estero – Celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia, in collaborazione con il Ministero degli Affari esteriAl fine di dare una visione di più ampio respiro dello spirito creativo il Padiglione Italia si estenderà anche fuori Italia. Gli ottantanove Istituti italiani di Cultura esporranno, nelle rispettive sedi, le opere degli artisti italiani più importanti operanti all’Estero. Un collegamento diretto dall’Estero con Venezia, attraverso schermi televisivi, consentirà agli artisti la loro presenza virtuale all’interno del Padiglione Italia. GABI MINEDI è PRESENTE INOLTRE AD ART BASEL 15-19 GIUGNO 2011 RAPPRESENTATA DA UNA GALERIA SPAGNOLA CON UNA MAXI OPERA REALIZZATA A QUATTRO MANI ASSIEME AL FIGLIO FUMETTISTA CANTAUTORE CHITARRISTA PATRIZIO MARIA ARTISTA RADICALE ED INDIE SEMPRE GIRATO SUL DOPPIO LATO DI SE STESSO. PRESENTE INOLTRE ASSIEME AI GRANDI NOMI DELL'ARTE CONTEMPORANEA INTERNAZIONALE A ''TWENTY POUND OF THERICA OPERE SU CARTA''

“Twenty Pounds of Therica - opere su carta” Promozione e cura: Pharmacy Industry Art Venice Sestiere Giudecca, 619/a - Ex Convento SS. Cosma e Damiano - Giudecca Apertura per il pubblico da sabato 2 luglio a domenica 25 settembre 2011 Inaugurazione a invito venerdì 1 luglio 2011 ore 19 Orario/opening hours 10.00-18.00 chiuso il lunedì/closed on mondays Tel. +393388085170 myspace.com/pharmacyindustry pharmacyindustry@gmail.com Artisti presenti in mostra: George BaselitzJean-Michel Basquiat Joseph Beuys Alighiero Boetti Enrico Castellani Francesco Clemente Enzo Cucchi Dadamaino

Gino De Dominicis Marlene Dumas Giosetta Fioroni Mimmo Germanà Jochen Gerz David Hockney Jörg Immendorff Anselm Kiefer Yves Klein

Jannis Kounellis Markus Lüpertz Gian Ruggero Manzoni Piero Manzoni Gabi Minedi Luigi Ontani Mimmo Paladino A.R. Penck Sigmar Polke Jean-Paul Riopelle Alexis Rockman Ulrich Rückriem Julian Schnabel Cy Twombly

Seguirà catalogo Edizioni Skira (in italiano, inglese e tedesco)

La Pharmacy, promotrice e curatrice della mostra, è solita creare eventi al fine di porsi con provocazione contro operazioni culturali le quali, secondo i responsabili della stessa, vengono a sminuire il "concetto" di arte contemporanea, come la Biennale di Venezia di quest’anno, diretta da Vittorio Sgarbi. All'interno de La Pharmacy, antica sede di prodotti farmaceutici in quel di Mestre, sono ancora custoditi statue

sansovinesche raffiguranti Galeno ed Esculapio, arredi, mosaici ottocenteschi, mortai, bilance, alambicchi, ampolle e vasi per contenere le spezie che andavano a formare anche la Triaca o Theriaca, antidoto per eccellenza per combattere i veleni (da ciò il titolo della mostra). Nel tempo, la Theriaca veneziana, il cui nome deriva da Therion, per indicare animali nocivi e velenosi, divenne famosa in tutto il mondo. La Pharmacy, allora, nel 1812, Manifatture Farmaceutiche Vendramin e Figli, grandi collezionisti d'arte, era considerata vero e proprio luogo di culto e di ritrovo di artisti, letterati, attori, politici e dei membri della Compagnie De Calza, ed è per questo motivo che gli eredi, da alcuni anni a questa parte, hanno voluto far tornare in vita questo luogo storico e, sostenendo eventi di prestigio, sono andati a ricreare quelle atmosfera del passato che resero quei locali, e i prodotti che la manifattura produceva, celebri in Europa e anche nel mondo. La mostra, lasciata Venezia, poi troverà collocazione, nei primi mesi del prossimo anno, presso la sede della Berlinische Galerie.

[Dal lancio-stampa ricevuto; segnalazione di Maurizio Vitiello.]

  

Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici