Varvicchio

Varvicchio Pasquale Varvicchio
Roma (RM)

Iscritto dal
15/12/2008
Categoria: Pittori

Opere inserite: 4

Visualizzazioni profilo: 1886

Voti ricevuti: 17 Chi ha votato?


Data di nascita: 28/01/1970
Residenza: Roma - RM
Telefono: 3406542877


Benvenuti al popartshow
la Web Art Gallery curata dall’emergente artista '' Pop '' Varvicchio Pasquale.
Il Popartshow attraverso le sue immagini vuole raccontare, interpretare, illustrare, esaltare la cultura del mito '' POP '' referente indiscusso dell'anima popolare, accettato trasversalmente da tutti e come tale impossibile da mettere in discussione.
Il maestro attinge dalla società dei consumi sempre più globalizzata, amplificata e distribuita dai vari mezzi di comunicazione di massa, nell' eterno rituale autocelebrativo, vero punto di forza, creando quell'appeling nel continuo ripetersi, ne consuegue un'eterna giovinezza.
I Padri della pop art preferiti: Roy Lichtenstein, Keith Harring, Andy Warol, e dall'italianissimo Mario Schifano, sono fonte di formazione, inspirazione per l'artista.
Il linguaggio espressivo utilizzato da Varvicchio è il fumetto, con l'utilizzo a volte delle nuvolette ( i ballons ), comunicando per immagini trae una combinazione di slogan, citazioni ironiche, umorismo, critica e d'omaggi.
La sua è un'arte figurativa, decorativa. I suoi soggetti preferiti, trasportati nel disegno e nella pittura sono estremamente vari ed attingono dall’universo iconografico del quotidiano, frammenti più banali della realtà, derivati dal seducente mondo della pubblicità, dal fascino della moda, del glamour dei volti delle celebrità, dalle confezioni dei prodotti di marca e dei loghi che li contradistingue.
Varvicchio riprende frequentemente in prestito o rielabora in modo ossessivo alcuni elementi tipici e canoni iterpretativi della grafica dello stile dell'industria cinematografica e televisiva. Le quali caratteristiche, si sposano perfettamente con il fumetto, creando una sorta di '' cinefumetto '', con le sue trasposizioni di '' piani sequenza '' ed '' inquadratature cinematografiche ''. Preoccupandosi di catturare l'attimo nel suo movimento, il suo fotogramma, recuperando e salvando quell'effetto statico che il fumetto tende a manifestare per natura, per poi poterlo replicare a piacmento, all'infinito.
Essi sono spunti di richiamo naturale di riflessione per l'artista, assorbiti in un contesto panoramico socio culturale specifico di appartenenza, quello locale urbano romano, città davvero stimolante per lui, e nella sua estensione rappresentativa di richiamo nazionale, di un prodotto riconoscibile da tutti, preferibilmente come '' Made in Italy ’’. Mantendo integro il suo carattere originale, rivissuto e sviluppato secondo la sua sensibilità positiva e ottimista.
I colori arilici sono i più usati e preferiti da lui, in particolar modo quelli vivaci, sia primari che di tipo fluoresente, dai contrasti fortemente marcati e di segno nero pregnante, in grado di concentrare meglio le forme isolate del soggetto pittorico. Colori che vengono sovrapposti l'uno sull'altro con robuste pennellate, privi di sfumature, senza alcuna pretesa o ricerca di dettagli rifiniti.
I caratteri calligrafici invece, ( oltre ad usare lo stile cartoon/comics ) presentano una gamma di aspetti eleganti ed estremamente raffinati, del genere comunemente impiegato nelle locandine cinematografiche e nelle pubblicità, con forme meno sobrie, con maggiore personalità, comuni nei lavori di design industriale o istituzionale.
Varvicchio attrverso le sue creazioni ha manifestato solo un iniziale assaggio delle sue straordinarie potenzialità e capacità espressive, il suo emergente entusiasmo e amore per l’Arte POP è in continuo divenire.
 

  • EUROPOP
  • Tribute to Roy Liechtenstein
  • Valeria 2005
  • Carmen Opera House
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici