Angelo Mazzoleni

Angelo Mazzoleni Angelo Mazzoleni
Bergamo (BG)

Iscritto dal
21/05/2008
Categoria: Pittori

Websites: Artisti italiani   Arte Bergamo  Arte Mazzoleni

Opere inserite: 33

Visualizzazioni profilo: 4590

Voti ricevuti: 48 Chi ha votato?


Data di nascita: 07/06/1952
Residenza: Bergamo - BG
Telefono: 3473503238


BIOGRAFIA ESSENZIALE DELL'ARTISTA

E VIDEO MUSICALI OPERE

 Angelo Mazzoleni nasce a Firenze il 7 Giugno 1952..Inizia presto la sua attività artistica ,coltivata già negli anni giovanili ,sotto la guida di alcuni maestri e frequentando corsi di perfezionamento presso l’Accademia Carrara di Bergamo.In questi anni ,partecipa prime mostre di pittura in Lombardia ed in altre regioni italiane. Alcuni viaggi ,in particolare in Germania ed a Parigi, arricchiscono il suo bagaglio artistico -culturale e ne influenzano la prima parte dell’attività pittorica.Si interessa inoltre di paleontologia scoprendo in particolare alcuni reperti fossili importanti ,donati ai musei di Milano e Bergamo, tra cui un erionide di un genere ancora sconosciuto ed al quale è stato dato il suo nome nelle relative pubblicazioni scientifiche.L’interesse per il mistero del passato, per la storia ,soprattutto primitiva nelle sue dimensioni ancestrali ,è uno degli altri elementi caratterizzanti la sua ricerca anche nel campo della pittura, prima ancora della fondazione,con altri artisti, del gruppo "NUOVA ARTE SINCRETICA "."Il percorso evolutivo dell'artista ,ormai trentennale,è contrassegnato da una personalissima ricerca delle origini del mondo delle sue forze vitali, che , pur nella varietà dei temi e delle tecniche , appare come un unico viaggio interiore attraverso il tempo e le realtà del nostro presente . Tre sono i momenti principali di questo suo complesso percorso e ,qui di seguito illustrati con video immagini opere e testo critico tratto dal catalogo generale del Maestro.



ANGELO MAZZOLENI HA ESPOSTO NELLE PRINCIPALI CITTA' ITALIANE, NEGLI USA,IN CANADA,ALLA BIENNALE IN TURCHIA ED ALTRE LOCALITA' ESTERE, IN ALCUNI GRANDI MUSEI E SPAZI ISTITUZIONALI CON SERVIZI TELEVISIVI SUL TG NAZIONALE..


4 VIDEO-IMMAGINI  MUSICALE DELLE OPERE  DEI VARI  PERIODI DELL'ARTISTA:

(Cliccare sui collegamenti per vedere i video)

VIDEO-OPERE 1: IL SINCRETISMO STORICO

DA DOVE VENIAMO”…

VIDEO1:

 http://www.myartspace.com/viewer/gallery/?subscriberid=vsqpoyxra9qvnqi1&gallery_id=yfghfvyun9qxl9l2


GUIDA ALLA LETTURA DELLE OPERE:

TESTO CRITICO  DELLA FASE 1:



Ricorrenti nelle opere del maestro ,soprattutto nella fase del sincretismo storico, i suoi "squarci” o finestre si affacciano sul mistero e sul tempo, più spesso sul nulla ,inteso come dimensione cosmica ed interiore, a volte sembrano le ferite irreparabili di un destino imperscrutabile, segni della crisi esistenziale dell'uomo ma anche della civiltà contemporanea. In altri momenti questi squarci ricuciti, come in una sutura , comunicano non più il tentativo di esplorare dimensioni dentro ed oltre il reale, ma , come ferite risanate, il desiderio salvifico di recuperare qualcosa che ci sfugge e muore, dal punto di vista poetico dunque : un sorta di “ritorno alla tela “dopo i tagli di Fontana ed il pensiero post-duchampiano ed ,in tal senso ,rappresentano la sintesi di gran parte del pensiero e della poetica sincretico-concettuale dell'artista. La sua tematica appare infatti incentrata sull’esplorazione a vasto raggio delle dimensioni dell’essere e della vita attraverso i mutamenti storici ,nel tentativo di coglierne il senso profondo, per riportarli alla realtà del nostro presente . Una complessa operazione di rielaborazione originale di linguaggi espressi dall’ arte nelle varie epoche e dalle diverse culture umane per rapportarle al nostro tempo ,cercando di realizzarne una sincresi appunto del linguaggio universale dell’umanità attraverso il tempo e lo spazio.Le tecniche ed i materiali utilizzati in questa fase sono molteplici ( iuta polvere e sabbie,corde ,vecchi legni ,elementi della natura come cortecce di palma ,residui marini sugheri corrosi dal tempo oltre all’olio ed all’acrilico. L’elemento unificante è che si tratta in ogni caso quasi sempre della materia che ha accompagnato la vita delle culture presenti e passate.Materiali dunque antichi, capaci di raccontare una storia un segreto per l’energia intrinseca che conservano in sè e che il maestro rielabora nelle sue composizioni e combinazioni materiche.

 

VIDEO-OPERE 2: IL SINCRETISMO CONTEMPORANEO


CHI SIAMO”…….

VIDEO 2: http://www.myartspace.com/viewer/gallery/?subscriberid=vsqpoyxra9qvnqi1&gallery_id=mq5xr5zzw9qxlu8j



TESTO CRITICO-FASE 2:

 Barby ,Mani,e giocattoli di plastica ,non solo come metafora ironica ed amara del nostro tempo.

Se si osservano le opere del secondo periodo della ricerca del maestro ,quella del “sincretismo contemporaneo” ,sembra apparentemente di entrare in un altro mondo rispetto alla prima fase. In realtà si tratta solo di apparenza , non di sostanza. Il filo conduttore della ricerca artistica di Mazzoleni è infatti lo stesso ,cambiano unicamente i materiali di cui il maestro si avvale per approfondire più direttamente le dinamiche i drammi e le contraddizioni dell’essere nel nostro tempo . Quindi un continuum ,un completamento ed approfondimento di temi già espressi nella fase del sincretismo storico : “ un unico viaggio attraverso il tempo e la storia alla ricerca del senso più autentico della vita e del nostro presente . Se prima le prospettive d’indagine erano le finestre e gli squarci,ora lo sguardo si sposta più direttamente sulle dimensioni del nostro presente riunificato dalla rivoluzione tecnologica e dalla globalizzazione.In modo a volte ironico ,a volte provocatorio ,in altre circostanze cercando le sintesi armoniche piu’ difficili ,vista la materia utilizzata ( plastiche sacchi di spazzatura ,scarti industriali ecc.) il maestro ci invita a riflettere sui drammi e le contraddizioni della società contemporanea , in qualche caso ,in modo polemico ma sempre propositivo , una riflessione appunto su” dove andiamo “ ,senza beceri moralismi ma con sguardo critico e disincantato,nobilitando la stessa materia commerciale e trasformandola artisticamente per esprimere quei contenuti e valori universali che sono alla base della sua ricerca sincretica .I temi trattati sono in prevalenza : la guerra ,l’inquinamento , il destino del nostro tempo ,la globalizzazione e naturalmente itemi stessi connessi al sistema attuale dell’arte e della cultura .Il maestro stesso si rende conto ed è più consapevole , in questa fase ,con connotazioni più marcatamente sociali, che oggi l’artista non può piu’ permettersi di essere passivo ,di fronte alle mercificazioni e mistificazioni che spesso attraversano la nostra società, ma deve impegnarsi anche culturalmente ,socialmente e politicamente oltre che artisticamente ,per dare il suo contributo critico alla società in cui vive. Non a caso, appartengono a questo periodo anche diversi suoi scritti ,polemiche con personaggi noti di quel sistema e riflessioni relativi ad un certo sistema di potere dell’arte e della cultura.

 

VIDEO-OPERE 3 : IL SINCRETISMO SPIRITUALE


"DOVE ANDIAMO..."

VIDEO-OPERE  3:


http://www.myartspace.com/viewer/gallery/?subscriberid=vsqpoyxra9qvnqi1&gallery_id=5cozaout29ynak12


TESTO CRITICO-FASE 3 :

La fase del sincretismo contemporaneo prepara naturalmente il terreno ( si vedano a riprova l’opere che affrontano il tema delle dimensioni parallele), alla terza fase ,quella del Sincretismo spirituale. Attraversato il passato ed il presente , l’artista si volge ora naturalmente al futuro , al destino che ci attende : è la chiusura naturale ,unitaria e consequenziale di un ciclo, iniziato con la prima fase , la sintesi finale di tutto un percorso che ,come ha acutamente scritto la giornalista D. D’Ortenzio ,non solo rappresenta un unico viaggio nel tempo e nello spazio ,come si è già sottolineato , ma anche l’esplorazione parallela dell ’interno di se stessi alla ricerca delle nostre radici ,una sorta di autoanalisi attraverso vari stadi di coscienza .Dunque ,un ulteriore passo del Maestro verso una sintesi più matura della sua ricerca neosincretica, forse ancor più originale e profonda perché si proietta oltre il tempo e lo spazio oltre se stessi.Cambiano conseguentemente anche i materiali utilizzati ,prevalentemente si tratta di elementi materici modellati e costruiti dall’artista ,più che , come era stato nella fase precedente, . oggetti tratti dalla realtà ed inseriti in strutture ricreate dall’artista .Questo perché l’operazione intrapresa è, in un certo senso ,ancor più ardua e complessa ,come lo è varcare le “porte “che ci separano dall’universo ,come è percorrere i “labirinti” dell’anima,e le religioni oltre la storia : temi che l’artista ci presenta come centrali di questa sua fase . Arduo come lo è raggiungere il fondo di se stessi e strappare dal nostro inconscio collettivo ,carichi di energia segreta , i simboli o gli Archetipi della vita ,come “la grande Madre “ ( tema che che l’artista aveva già per altro affrontato negli anni giovanili) , o come l ‘esplorazione del micro e macrocosmo delle leggende e della mitologia greca ( “Uccelli del micro e macrocosmo” ).
Arduo come solo può essere tentare la sincresi finale ,quella più alta : la rappresentazione del linguaggio stesso del nostro universo.

 
VIDEO-OPERE 4 : SEZIONE FOTOGRAFICA

  • L'ultimo giorno
  • Leggerezza dell'essere
  • Metamorfosi
  • Islam ed occidente
  • spot e veline
  • Enigmi

Commenti sulle opere di Angelo Mazzoleni:

Ciao angelo questa tua opera ma preso il cuore, bella e triste nello stesso tempo complimenti-

Mi farebbe piacere diventare tua amica .

Buon inizio settimana

 


commento di Elisabetta Beretta sull'opera Islam ed occidente - domenica 19 aprile 2009 alle ore 16:58

 Belle opere complimenti ciao.


commento di Nicola Emiliano sull'opera Don Chisciotte - venerdì 20 febbraio 2015 alle ore 10:54
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici