Ronald Menti

Ronald Menti Ronald Menti
Vicenza (VI)

Iscritto dal
06/06/2008
Categoria: Pittori, Fotografi

Websites: Album e Set  Popular interesting  Panoramio Landscapes

Opere inserite: 70

Visualizzazioni profilo: 6961

Voti ricevuti: 301 Chi ha votato?


Data di nascita: 26/04/1953
Residenza: Vicenza - VI

"Con questo non voglio dimostrare niente,  voglio solo mostrare cosa vuol dire essere artisti nel 2010"

 ...per coloro che si schierano, intransigentemente, contro Photoshop vorrei dire che: Photoshop e’ un modo di vedere il mondo; quasi ogni persona puo’, infatti, scattare una fotografia ma solo alcune persone possono, invece, “modellare una fotografia”. Mi piace definire tutto cio’ con una semplice parola: creativita’!“Gli artisti possono colorare il cielo di rosso perche essi sanno benissimo che e’ blu…coloro che, invece, non sono degli artisti devono colorare le cose dei colori in cui esse sono veramente oppure la gente pensera’ che siano stupidi

 

Fotografo e pittore da sempre lavora in modo riservato, portando avanti ricerche nell'ambito della Net_art, l'arte del virtuale degli artisti del primo duemila,e della fotografia impressionista (Impressionistic Photograph).

 

La fonte di ispirazione di questo artista è ricercata in una colleganza con gli impressionisti ed i macchiaioli, spaziando nella pittura americana seguendo le orme di Hopper non disdegnando escursioni nel surreale con lo studio del pensiero di Magritte. Lavora quasi esclusivamente con le tecniche informatiche più evolute stampando i suoi lavori su tela da pittore.

 

 

 Ha esposto su invito di enti pubblici, associazioni, gallerie in tutta Italia e negli Stati Uniti...Milano, Torino,Firenze, Trento, Napoli, Roma, Ferrara, Verona Vicenza New York e in moltissime località minori. Ha partecipato a innumerevoli concorsi risquotendo successo di critica e di pubblico.

La grafica digitale viene stampata su tela da pittore (canvas)
Dipinge prevalentemente in acrilico
Le elaborazioni fotografiche vengono stampate come poster

Tutti i lavori,dipinti grafiche digitali manipolazioni fotografiche, hanno tutti i diritti riservati. Chiunque ne facesse un uso scorretto, non avvisandone il titolare, sarà perseguito a norma di legge.

 

 

 Michelangeli, artista pugliese dice:


"L'attuale panorama artistico mi si presenta piuttosto nebuloso.Una nebbia fitta e appiccicaticcia che confonde i contorni e offusca i colori.spacciando,spesso,il già visto per novità.Se,tuttavia,si ha la costanza di proseguire il cammino ci si può imbattere in radure dove il cielo è limpido e l'aria buona:così ho incontrato Ronald.
Più che una radura un bosco fitto e ricco di vegetazione,dove una natura di tipo mediterraneo conviveva con una di tipo nordico,come dire che i faggi s'intrecciano con i pini e la macchia fa da tappeto alle conifere.Mi sono un pò persa all'inizio,ho capito che per trovare un sentiero dovevo raggionare,osservare,darmi tempo.
Ecco il Ronald pittore di una realtà fatta di stati d'animo,intima e personale a creare un dialogo segreto e privato dove i colori sono rappresentativi non della realtà oggettiva ma di quella puramente "sensitiva",solo sua. Ed ecco ancora il paesaggio cambia:Ronald si fa sperimentazione,avanguardia,le immaggini diventano provocazione,denuncia,trasportate da una vena di modace ironia,altre proposte con eleganza in una dimensione onirica e surreale.Ancora più giù,oltre le siepi incontro il Ronald verbale,dal linguaggio schietto e diretto,sostenuto da un cultura e conoscenza dei fatti che ti porta a sederti e ascoltare.E' come se più personalità coabitassero nella stessa mente(ma forse siamo tutti un pò così) e interaggissero fra loro rimandandocene un'immagine complessa pur nella sua purezza di spirito.Una persona,questo "nostro" Ronald dall'animo così grande da non poter essere contenuto, così nel venir fuori ha bisogno talvolta di mascherarsi da duro,per non rivelarsi.Non voglio parlare dei lavori,lo fanno da soli perfettamente,tuttavia vorrei esprimere una mia sensazione,nei ritratti c'è sempre grande attenzione nel far emergere quel qualcosa che contraddistingue e rende ognuno unico nel suo genere,c'è ,a parer mio,qui più che in altri lavori,un sottile velo di malinconia,nostalgia forse....non di luoghi reali,una nostalgia dell'anima,che nasce in qualche luogo segreto della memoria,ma fose è solo una mia sensazione.
Ronald è dunque un artista completo un comunicatore ma soprattutto una persona vera capace di mediare i suoi "alter alter"col mondo esterno e da questo trarre stimoli e spunti di riflessione. Uno degli aspetti di Ronald che mi è subito piaciuto è proprio il senso dell'ironia,io purtroppo ci scivolo dentro spesso,è il mio modo di vedere la vita e mi è più facile comunicare con una battuta senza doverla poi "spiegare".Per parlare di Ronald ci vorrebbero tomi e tomi,tempo e tempo,tanto intrigata è la boscaglia mi conviene per il momento cercare la bussola e strada facendo anche qualche fungo che son sempre buoni
Ciao Ronald"


Le Quarat noir fotoamatore pugliese dice:
"Sarò breve, visto che non son bravo con le parole. Le sue foto? che dire..mi piaccion molto, anzì le adoro...mi stupiscono ogni volta, è come se lui avesse il potere di rendere magici i posti che fotografa...ogni foto stupisce (per non parlare dei suoi dipinti).un artista, ecco...Infine, grazie Ronald per le tue foto..."

 


asimmetrica  artista virtualart milanese dice:
"Ronald Menti è stato uno dei miei primi contatti in Flickr. Mi ha trovata e incoraggiata indicandomi direzioni e supportando idee. Creatore di almeno due tra i più frequentati pool di Flickr italiana, li ha sostenuti e li segue con idee innovative risoluto a non cedere al sopravvento della loro trasformazione in una superficiale temporanea vetrina espositiva quale si sono ridotti a essere altri gruppi. Spaziando indifferentemente tra i suoi mille e più sguardi, accarezza nelle sue opere il passato e il futuro forte di un animo sperimentatore e di un altro conservativo e delicato. L'indole che decompone per ricostruire è ad esempio in VIAGGI IN CURVATURE PARALLELE culturale e ed erudita insieme, di base matematico scientifica. I suoi lavori..... fondono linee curve e colori in un blending preciso netto spesso sfolgorante di saturazioni e composizioni audaci e radicali, quasi sostenute al loro interno da una rabbia creativa in cerca di messaggi rivoluzionari che alla fine trova.
L'indole conservativa e romantica lo spinge invece alla contemplazione estatica ma elaborativa di paesaggi montani e location d'antan che traducono immediatamente in immagini il suo lato nostalgico di sservatore di gesti e abitudini e registratore di eventi trascorsi. Di tutto ciò che si tende a dimenticare talvolta o a nascondere o che sembra svanire dietro e sotto la fluidità dello scorrere del tempo ma anche della crudeltà del divenire. In questi casi come in LA PROVINCIA Ronald Menti sempre giocando sui colori e il taglio delle inquadrature ci offre nei suoi lavori echi di dipinti ottocenteschi espressionisti e impressionisti insieme che ridanno vita e respiro al tutto spingendoci a riflettere quasi alla Montale su ciò che non siamo e su ciò che non c'è per tentare di definire l'indefinibile, cioè l'attuale e vivo di per sè inafferrabile. Complessivamente Ronald Menti, fedele ad una filosofia della quale troviamo ampi stralci nel pensiero di Roland Barthes, fotografa il passato e il futuro con una tecnica mista di rebirthing e di divinazione che lo rendono stregone e guru.
Le sue due vite si fondono forse per raggiungere una momentanea pacificazione nella sua opera di pittore e artista completo prima che di fotografo come in NUOVE FRONTIERE DELL'ARTE-
Anche qui le tecniche differenti depongono per una genialità indubbia che aspettiamo nelle se future ricche performances"


cicipeis pittore sardo dice:
"Capita talvolta di entrare in contatto con degli artisti e condividerne , pur partendo da concezioni e culture diverse, in senso artistico, la propria opera.
A me è capitato di incontrare Ronald , un artista eclettico, che con le sue opere pittoriche è riuscito a farmi conoscere ed apprezzare un mondo a me praticamente sconosciuto e che sentivo lontano, la montagna.
I suoi paesaggi , i suoi colori molto vivi , le luci , i riflessi, ti catturano e ti immergono dentro la sensazione di viverli realmente.
Eclettico dicevo, perché Ronald oltre ad esprimere una pittura coinvolgente è padrone di tecniche che gli permettono, attraverso una creatività incredibile, anche la elaborazione artistica di immagini che con genialità trasforma e modella regalandoci forme e colori che appagano la sete artistica di chi si sofferma a guardare."


chetrivet, un'opinione tratta dal web dice:
"Credo che Ronald Menti sia veramente capace di dare vita ad emozioni profonde,pur esaminando oggetti,talvolta,semplici.Della sua arte,mi ha colpito la sincerità,in situazioni dove l'artifizio sarebbe stata la soluzione più facile."

 

Secondo Rino Boccaccini ,critico d'arte ferrarese," un tessuto pittorico di sempre fresca e sentita ispirazione,al quale si aggiunge una straordinaria ricchezza di originalità ed espressività...sa suscitare immagini di una paesaggistica incantevole...Dotato di un talento ricercativo e creativo al tempo stesso, egli sa equilibrare l'istintività e dosare i ritmi tra spazio e luce...
Per G. Falossi , critico d'arte Milanese,(1989) "Con il paesaggio egli investe una vasta parte della sua produzione pittorica, il paesaggio inteso come stato d'animo...il desiderio di rappresentare una perfezione interna in modo da creare una armonia di sentimenti che fanno vivere il tutto, di una grazia, di una quiete, ove è esclusa qualsiasi inquietudine e volgarità...

 

  • Luci della notte
  • La fine di pietro
  • Roberta
  • Fratini
  • Vivere in campagna
  • Ingorgo sulla intergalattica 46

Commenti sulle opere di Ronald Menti:

complimenti.



commento di laura tedeschi sull'opera Notturno - domenica 22 giugno 2008 alle ore 14:25
un ottimo lavoro

commento di laura tedeschi sull'opera Betulle - domenica 22 giugno 2008 alle ore 14:28

Magica con i suoi colori;  ma è una foto poi riprodotta su tela?

Complimenti!


commento di Marmotta sull'opera Il mare - giovedì 19 marzo 2009 alle ore 23:58

BELLISSIMO....mi ha colpito molto!


commento di Antonella Lozito sull'opera Gloria in excelsis Deo - martedì 31 marzo 2009 alle ore 00:59

Bravo.

Osservando questo lavoro, non ti nascondo che ho avuto una certa esitazione tra credere ad una foto o un dipinto.

Complimenti

Ciao

Damiano Messina


commento di Damiano Messina sull'opera Gargano - mercoledì 01 aprile 2009 alle ore 12:19

Molto bella, questa immagine. Mi ricorda certe storie antiche come quella di S.Giuseppe da Copertino! Bella e surreale: complimenti!!!


commento di Paolanatalia58 sull'opera Fratini - sabato 12 settembre 2009 alle ore 22:19

complimenti!Ciao, Amèrico


commento di Américo Di Gregorio sull'opera Papaveri - giovedì 17 settembre 2009 alle ore 13:09

molto bella, complimenti.


commento di Marumaru70 sull'opera Che ci sarà dietro? - giovedì 17 settembre 2009 alle ore 20:00

 ti ringrazio dei consigli 


commento di Gildo Dordi sull'opera Il tempo inquieto - sabato 19 settembre 2009 alle ore 21:59

Grazie del suo voto.

Trovo quest'opera magnetica..ha saputo lucidamente creare una composizione onirica in grado di catturare lo sguardo.

Complimenti


commento di Delia Bertato sull'opera Le giornate del surreale - lunedì 21 settembre 2009 alle ore 01:29

mi piace moltissimo questa opera, ampi spazi, mi dona il senso del movimento, un percorso ancora arduo ma è ben definito l'arrivo, mi rilassa, la scelta dei colori ed il mosso generale fa si che l'occhio sia alla ricerca di un particolare più a fuoco, ottimo lavoro.


commento di Marumaru70 sull'opera S.Giorgio - lunedì 21 settembre 2009 alle ore 10:57

Questo è proprio proustiano (e per chi sa quanto amo Proust è il massimo complimento) per la nostalgia struggente che evoca...grande!!!


commento di Paolanatalia58 sull'opera Il porticciolo - sabato 03 ottobre 2009 alle ore 16:33

la figura che si vede attraverso il vetro sembra come parzialmente disciolta, come fosse di cera parzialmente fusa...(ovviamente è l'impressione mia) come a trasmettere un senso di "decadenza" (o "così intenso-che-mi-dà-le-vertigini") che segue subito dopo il piacere di aver spiato da un luogo sicuro... talmente a sufficienza da esserne stufi!


commento di Paolanatalia58 sull'opera La finestra - mercoledì 14 ottobre 2009 alle ore 23:40

Il blocco con la città nel cielo è un motivo ricorrente nella pittura surreale, ma la mosca che sembra inchiodata ad un vetro attraverso cui si vede la scena...o semplicemente inchiodata in aria su un altro piano dal resto della figura...rivela una certa inquietudine...

L'avevo già scelto... ma ora l'ho voluto guardare meglio! Doppi complimenti!


commento di Paolanatalia58 sull'opera Le giornate del surreale - mercoledì 14 ottobre 2009 alle ore 23:44

Complimenti per le tue opere e sono dd'accordo con te su quello

 che hai scritto.

Ciao e buona arte

  Samirè


commento di Samire' sull'opera I ricordi sono come bolle di sapone - mercoledì 25 novembre 2009 alle ore 08:27

Grazie del commento Ronald . Le tue Opere mi piacciono , sei un VERO!!


commento di Antonio Petacca sull'opera Decadenza - mercoledì 30 dicembre 2009 alle ore 10:47

incubus autoritrattorius?:-)


commento di Francesca Gallusi sull'opera Incubus - sabato 09 gennaio 2010 alle ore 15:00

questa mi piace proprio tanto.


commento di Francesca Gallusi sull'opera La lacrima dell'angelo - sabato 09 gennaio 2010 alle ore 15:07

complimenti vivissimi per i tuoi lavori,ciao Ronald


commento di Felice sull'opera La galassia brucia - sabato 30 ottobre 2010 alle ore 13:38

clas...


commento di Qejvani sull'opera La sorpresa - martedì 22 maggio 2012 alle ore 09:44
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici