Fiamma Pagliari

Fiamma Pagliari Fiamma Pagliari
Varese (VA)

Iscritto dal
05/11/2010
Categoria: Altro

Websites: Vetri d'arte 

Opere inserite: 16

Visualizzazioni profilo: 2060

Voti ricevuti: 53 Chi ha votato?


Data di nascita: 30/07/1971
Residenza: Varese - VA

Dopo il diploma di Liceo artistico scopre quasi per caso il vetro e tutto il suo fascino. Dapprima impiegata come apprendista artigiana in una vetreria del varesotto, nel giro di sei mesi diventa responsabile della sezione artistica di tale azienda e nei primi anni novanta fonda Artidea, laboratorio artigianale a Saronno dove si progettano e realizzano una grande varietà di oggetti: dai piccoli monili alle vetrate artistiche di grandi dimensioni, creazioni particolari su richiesta e restauri.

Partecipa a diverse edizioni della “Fiera dell'artigianato” di Milano e alle prestigiose manifestazioni autunnali di 'Artigianato d'eccellenza' delle Ville Ponti di Varese.

Intorno al 2007 raggiunge il massimo livello di divertimento nella realizzazione di complementi d’arredo in vetrofusione, in particolar modo lampade da tavolo e da terra.

Dopo un’attenta ricerca degli effetti di polveri di silicio colorate, miche e ossidi su diversi tipi di vetro, si appassiona alla creazione di vere e proprie sculture di luce. Fiamma esce quindi dal suo laboratorio per cominciare ad esporre in diverse mostre collettive, riscuotendo un discreto successo e vincendo il terzo premio al 10°premio internazionale Humanware di Monza, dedicato ai maestri vetrai lombardi dell'artigianato d'arte. Nel frattempo organizza con successo corsi di tecnica tiffany e vetrofusione e coltiva la sua passione di sempre, la scrittura: nell'estate del 2008 vince il suo primo premio letterario al quale seguono diverse pubblicazioni di racconti brevi e poesie.

Dicono di lei come artista

Relatrice di un raffinato romanzo interiore, Fiamma Pagliari svela le suggestioni del vetro con i suoi enigmi, sottesi al gioco delle trasparenze.

Una voce narrante sorregge la sua intera produzione: la luce, straordinaria protagonista dell’arte di Fiamma che con i suoi motivi intimistici inneggia alla vita, al tempo e alla sacralità della natura, appare viva.
I colori, suggeriti dall’applicazione di smalti e ossidi, rappresentano lo scenario cangiante sul quale germoglia la creatività dell’autrice che coniuga la ricerca estetica con la funzionalità dell’oggetto. Le sue sculture di vetro comunicano un temperamento vivace, ilare e ironico.

Sabrina Falzone -critico d'arte

---

La materia vitrea e policromatica di Fiamma si rincorre e sembra fuggire verso l’alto, alla ricerca di un proprio spazio, ergendosi avvolgente in sculture di luce, che s’alzano in punta di piedi verso il cielo. Si avvolgono su se stesse in argentee spirali che danno al vetro una spina dorsale in cui la luce si riflette in ogni direzione come i fasci di raggi solari che bucano una bianca nuvolaglia. Il vetro, in alcune lampade, s’innalza come un cobra ammaliato da una litania ipnotica che si ripete all’infinito o si contorce in infiniti gironi verso l’estremo, e sembra voglia salire oltre ogni limite, come la babelica struttura che si disperde nei mille linguaggi che richiama.
Quando Fiamma costruisce quinte teatrali dove la luce si diffonde in riverberi verde chiaro e blu intenso, il palcoscenico che si presenta oltre quelle quinte è scenograficamente strutturato come un paesaggio lunare. E la luna e l’infinito e i ricami fossili, echi di un universo primordiale, sono i simboli che caratterizzano le lampade a forma semisferica, quasi l’artista abbia voluto creare pianeti vaganti nell’infinito, senza orbita, persi nell’ineluttabile. Ma anche quando ci si avventura in accenni alla natura, ecco che la natura stessa è ambigua: è gialla accesa, con sfondo sabbiato, nera o rosso puro e l’erba è uno schizzo velato, destinato a svanire.

Placido Di Stefano -scrittore

Dicono di lei come autrice

La scrittura dell'autrice è dotata di forza comunicativa senza mai cadere nella banale e stanca ripetizione di luoghi comuni. Interessante il doppio piano narrativo che, alternando passato e presente, coglie il duplice canale emotivo giocato sull'attesa dell'amore e la delusione del presente.

Professoressa Antonella Presutti

---

L'autrice dimostra di avere spunti molto originali riguardo l’evolversi dell’intreccio, nel parallelismo narrativo di momenti diversi della stessa storia. Il linguaggio semplice e scorrevole nella narrazione si risolve poi in una scrittura gergale e a tratti anche cruda nei discorsi diretti, a rendere una situazione certo particolare come quella del carcere.

Fabio Sajeva -Laboratorio Gutenberg

---

Le scritture di Fiamma sono spesso uno sfogo emozionale, prendono direzioni diverse e hanno una componente poetica e di tecnica di scrittura non indifferente; ricordano certi poemi alla Baudelaire (Spleen di Parigi) naturalmente scritti con un piglio attuale. Le parole formano immagini poetiche ed emozionali giungendo al fulcro di quello che vogliono dire: immagini bene accostate, originali e personali.

Placido Di Stefano -scrittore

Mostre

  • 12/2008 -Bipersonale Boccone e Pagliari -METAMORFOSI MOBILI -Galleria Eclettica -Milano
  • 02/2009 - Collettiva -GRAN GALA' DELL'ARTE DI CARNEVALE -Milano -patrocinio dalla Regione Lombardia
  • 03/2008 - Collettiva -ARTEMISIA FOLIE -Symposium arte -Milano
  • 05/2009 - 3°premio -Decima edizione del Premio Humanware ISPIRATI DAL VETRO, I maestri vetrai lombardi dell'artigianato d'arte -Monza
  • 05/2009 - Collettiva AL LUPO -Spazio Anfossi -Milano
  • 06/2009 - Collettiva PASSION&OBSESSION -Symposium arte -Milano
  • 07/2009 - Collettiva PAGINE D'ARTISTA -Spazio Anfossi -Milano
  • 11/2009 - Collettiva LA FAVOLA DEL CIBO: I PIATTI DELLA POESIA -Bar Taveggia -Milano
  • 04/2010 - Collettiva LE COSE E GLI ANGELI -Spazio Anfossi -Milano
  • 11/2010 - Collettiva EL CONQUISTADOR -Ristorante Al Garibaldi -Milano
  • 12/2010 - Collettiva LOGOS E PATHOS -5° Biennale Internazionale D'Arte di Ferrara -Ferrara
  • 01/2011 - Collettiva IN SOFFITTA, CRISI E MUTAMENTO -Ristorante Al Garibaldi -Milano
  • 02/2011 - Collettiva ARTE E EMOçAO -Mostra Internazionale D'Arte Contemporanea -Lisbona
  • 05/2011 - Quinta Rassegna d'Arte Martesana -Villa Castelbarco, Vaprio d'Adda, Milano

Pubblicazioni

  • 2008 -Primo Premio al Concorso Letterario “Donne... ieri oggi e domani”, Castelbottaccio (CB), 1° edizione. Titolo: “Domenica”
  • 2008 - Premio Nazionale di Scrittura Essenziale “Brevis”, sezione SMS, Barbariga (BS), 4° edizione. Titolo: “Appuntamento”
  • 2008 -Premio Internazionale di Poesia “Memorial Gennaro Sparagna”, Minturno (LT), 3°edizione. Titoli: “Acerba” e “Fogna”
  • 2008 -Premio Città di Savona Enrico Bonino "Malattie invalidanti, solitudine: tutte le fragilità della terza età e non solo", Savona, 7°edizione. Titolo racconto: "Una notte d'amore, una vita"
  • 2008 -Premio Internazionale di Poesia città di Monza, edizione Montedit 2008. Titolo: “Le scarpe sbagliate”
  • 2009 -Selezione di Poesia “Le altre forme delle donne” a cura di Anna Bruno, Albus Edizioni, Napoli. Titolo: “Parole”
  • 2009 -Concorso Letterario Nazionale “Pennacalamaio”, Savona, 2°edizione. Titolo poesia: “Al Trebbia”
  • 2009 -Concorso Letterario Laboratorio Gutenberg “Nella città delle donne -All'improvviso”, Roma. Titolo racconto: “E gira”
  • 2009 -Finalista nella sezione 'Opera Prima, romanzo breve' al Premio Internazionale di Poesia, Narrativa e Arte “Ricordi”, Napoli, 7°edizione. Titolo: “Le piastrelle del bagno”

 

  • Fuoco
  • Albero nero
  • Lune di novembre
  • Lettere d'amore di Garibaldi a Speranza Von Schwartz
  • Fuoco nero
  • Psicotattiche -di fragilità, forza e altro materiale umano

Commenti sulle opere di Fiamma Pagliari:

Lune di novembre -3° classificata

'10° edizione del premio internazionale Humanware' Monza 2009. Fiamma Pagliari con la sempre preziosa collaborazione di Alessandro Bastianello.

Ci siamo divertiti!

Commento critico

Da oltre dieci anni progettano e realizzano, con particolari capacità tecniche e artistiche, pregevoli oggetti d'arte e design adatti a piccoli e grandi spazi.

Dimostrano una particolare e singolare modernità nello sviluppare strumenti di illuminazione e arredi in vetro, sanno interpretare con abile virtuosismo la cultura espressiva della filosofia Humanware con oggetti completamente nuovi capaci di riflettere le attese dell'abitare domestico moderno.

Dario Visconti -Presidente di Ente Mostre di Monza e Brianza


commento di Fiamma Pagliari sull'opera Lune di novembre - sabato 06 novembre 2010 alle ore 11:24

Gioco, totalità, sperimentazione, colore.


commento di Fiamma Pagliari sull'opera Albero nero - sabato 06 novembre 2010 alle ore 11:33

I colori neutri -argento, argento bruciato, grigio e nero su base trasparente- esasperati dalla freddezza della luce al neon, contrastano nettamente con le morbide, sensuali curve dei 'rami' e della struttura stessa della scultura. 


commento di Fiamma Pagliari sull'opera Albero argento - sabato 06 novembre 2010 alle ore 11:42

Ciao sono Mauri ,ti faccio i complimenti pre la tua arte, finalmente vedo il genere di arte che io sento brava continua cosi apresto Mauri.


commento di Mauri sull'opera Lune di novembre - sabato 06 novembre 2010 alle ore 12:09

Proiezione è un'opera che nasce in occasione della mostra collettiva "Al lupo! Gridi d'allarme intimi e pandemici". La doppia interpretazione che ho voluto dare al lupo è rappresentata qui attraverso la figura e la sua proiezione.

Lupo: paura. Lupo: forza, fedeltà, fascino. Dualità.

 


commento di Fiamma Pagliari sull'opera Proiezione - sabato 06 novembre 2010 alle ore 12:13

'A MIO PADRE':
piccola installazione, materiali ferrosi vari, resina

IN MOSTRA dal 26 gennaio al 26 febbraio 2011 a Milano, Ristorante Al Garibaldi

Aperture di tutti i generi,
misteri che mai si sveleranno,
codici e numeri e portachiavi
e vecchi motori moto biciclette lucchetti per sempre serrati,
aperture chiusure,
stanze e armadi chissà dove,
amanti segrete e no,
luoghi dove forse creare o dove distruggersi in santa pace,
nascondersi ritrovarsi,
aprirsi chiudersi.
Mettere tutto insieme e resina riesumata e un vecchio piatto da portata in vecchio, scrostato, inutile ormai credo acciaio,
serve ad affermare, a fissare, cementare, ricordare,
comprendere finalmente!
che non è più il caso di tentare di capire...

Aperture, non chiusure...
Via, via! sotto un'altra storia!
Arresa, stupita e viva...


commento di Fiamma Pagliari sull'opera A mio padre - mercoledì 12 gennaio 2011 alle ore 16:17

Meraviglioso, sembra proprio il cuore ke dà la vita.


commento di Franco Sedda sull'opera Fuoco - lunedì 25 aprile 2011 alle ore 09:26

Buongiorno Franco, grazie! Pensa che lo stampo in terracotta per questa scultura di luce è stato plasmato proprio sopra una grossa radice di albero...


commento di Fiamma Pagliari sull'opera Fuoco - lunedì 25 aprile 2011 alle ore 11:21
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici