Mina Cappussi

Mina Cappussi Mina Cappussi
Bojano (CB)

Iscritto dal
02/09/2014
Categoria: Pittori, Scrittori, Fotografi

Websites: PREMIO PACI AUDITORIUM  UN MONDO D'ITALIANI  NON FA POESIA UN CORVO

Opere inserite: 13

Visualizzazioni profilo: 738

Voti ricevuti: 58 Chi ha votato?


Data di nascita: 14/07/1972
Residenza: Bojano - CB

 Mina Cappussi

MINA CAPPUSSI (Breve Bio artistica)

Nasce come scrittrice, giornalista, fotografa, poetessa, sempre curiosa del mondo e della natura. Solo di recente la svolta nel campo dell'arte e della pittura che la riallaccia ad una ricerca stilistica  personale, pur avendo dimostrato, fin da piccola straordinaria sensibilità e tendenza all’introspezione che la rendono particolarmente incline alle arti figurative. Scrive, scrive, scrive: racconti, poesie, romanzi, saggi, e si dedica alla fotografia con dedizione quasi ossessiva, decisa a cogliere quel punto e quell’istante dell’osservazione, che fa da tramite tra il mondo che vediamo con i nostri occhi e quello invisibile che si cela dietro le cose e tutto permea, in una visione olistica dell’esistenza. Tuttavia l’interesse per la pittura rimane latente per molti anni, durante i quali si dedica con successo alla decorazione. Intraprende studi dapprima scientifici e poi economici. Si diploma brillantemente presso il Liceo Scientifico di Bojano e poi presso l’Istituto Tecnico per Geometri per poi laurearsi con 110 e Lode in Scienze Politiche. Frequenta con profitto l’Università, e tra una lezione e l’altra mette in vendita su un banchetto, come fanno altri studenti, nello spiazzo della Città Universitaria, le proprie realizzazioni decorate a mano. L’interesse è immediato, e la risposta del pubblico a dir poco entusiastica. Alla prima laurea ne seguono altre, e una serie interminabile di specializzazioni, perfezionamenti post laurea, master, diplomi accademici. Fino a quando giunge il momento, quasi per caso,  di superare la mera decorazione, stilisticamente corretta, piacevole, di gusto “bon ton”, e di dare voce al lato più nascosto della sua personalità, per tirare fuori i mostri che si agitano dentro, per regalare una superficie all’ispirazione, per divenire “assenza” nel processo creativo; inizia così a dipingere con sempre maggior entusiasmo, avendo trovato finalmente, in aggiunta alla Poesia e alla Scrittura, la giusta dimensione per descrivere il proprio mondo percettivo. Nel corso degli anni ha pubblicato diversi libri di narrativa, raccolte poetiche, saggi e il primo Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. Le sue poesie hanno vinto numerosi premi e sono pubblicate in antologie e riviste. La fotografia è la sua prima passione con risultati eccellenti e mostre personali. Oggi coniuga pittura e fotografia e ha dato vita ad un  nuovo filone poetico che “fotografa” la realtà, “scrivendo” immagini e frammentando visuali. E’ la “Fotopoesia”, canto dell’anima. E’ comunque tra i Protagonisti dei Poeti d’Azione e tra i firmatari del Manifesto del Metateismo.

Espone all’Auditorium di Isernia e al Palazzo Ducale di Torrevecchia Teatina (CH) nei mesi di settembre e ottobre 2014. Il 28 settembre 2014 vince il P.A.C.I. 2014 - Premio Auditorium Città di Isernia per la sezione Poesia, e ottiene, nella stessa mostra, attestati di interesse per la Pittura e la Fotografia.

Docente universitario “Roma Tre”, giornalista, International Press Card - Federation of Journalists, Direttore e Publisher del quotidiano internazionale UN MONDO D’ITALIANI (www.unmondoditaliani.com) e di altre sei testate cartacee, è co-curatrice, del Primo Dizionario dell’Emigrazione Italiana, il cui progetto culturale-editoriale è stato presentato presso la Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, con la prefazione di Eric Mc Luhan e l’introduzione del Presidente della Repubblica. Lavora dal 1996 per quotidiani, settimanali e periodici della carta stampata, nonché emittenti televisive. Counselor sistemico-relazionale, esperienza di Clinica presso IPR Istituto di Psicoterapia Relazionale di Luigi Baldascini - Napoli, Mediatore familiare, Consulente di coppia, esperto in Diritto Minorile è Formatore di Servizio Civile accreditato Presidenza del Consiglio dei Ministri. Premio Donna dell’Anno, Premio Ambasciatrice Italiani nel Mondo Globe International, Governatrice per il Molise per il Premio Globo Tricolore della giornalista Rai, Patrizia Angelini, Commissario Straordinario Aitef, nel Direttivo nazionale Filitalia International, ha pubblicato numerosi saggi, novelle, racconti e antologie poetiche.

 

 

 

MINA CAPPUSSI (English)

Born as a writer, journalist, photographer, poet, always curious about the world and nature. Only recently the breakthrough in the field of art and painting that resonates with stylistic research personnel, despite having been shown, since he was a child, an extraordinary sensitivity and tendency to introspection that make it particularly prone to visual arts. He writes, writes, writes short stories, poetry, novels, essays, and she is dedicated to photography with almost obsessive dedication, determined to capture that moment and point of observation, which acts as an intermediary between the world we see with our eyes and the invisible world that lies behind things and permeates everything, in a holistic view of existence. However, the interest in painting remains latent for many years, during which he devoted himself with success to the decor. Undertakes scientific studies first and then the economy. He graduated brilliantly at the Liceo Scientifico di Bojano and then at the Technical Institute for Surveyors and graduated with honors in Political Science 110. He attended the University at a profit, and between classes, and the other, she puts on a feast for sale, as other students do, in the clearing of University City, her creations decorated by hand. The interest is immediate, and the public response to say the least enthusiastic. At the first degree is followed by others, and an endless series of specializations, enhancements, post-graduate, master, academic degrees. Until the time comes, almost by accident, to overcome the mere decoration, stylistically correct, agreeable, tasteful "bon ton", and to give voice to the hidden side of his personality, to bring out the monsters that move in, to give a surface to inspiration, to become "absence" in the creative process; begins to paint with increasing enthusiasm, having finally found, in addition to poetry and to Scripture, the right size to describe their perceptual world. Over the years she has published several books of fiction, poetry collections, essays, and the first Italian Encyclopedic Dictionary of Migration in the World. His poems have won numerous awards and are published in anthologies and magazines. Photography is his first passion, with excellent results and personal exhibitions. Today she combines painting and photography and has given birth to a new genre of poetry that "photographs" reality, "writing" and fragmenting visual images. It is 'the "Fotopoesia," song of the soul. She is still among the protagonists of the Poets of Action and among the signatories of the Manifesto of Metateismo. She exhibited at the Auditorium of Isernia and the Palazzo Ducale in Torrevecchia Teatina (CH) in the months of September and October 2014 The September 28, 2014 he won the PACI 2014 - Award of Isernia City Auditorium for the Poetry section, and get, in the same show, certificates of interest in Painting and Photography.

 

University lecturer "Roma Tre", journalist, International Press Card - Federation of Journalists, International Director and Publisher of the newspaper A WORLD OF ITALIAN (www.unmondoditaliani.com) and six other paper publications, is co-curator of the First Dictionary Italian Emigration, whose editorial-cultural project was presented at the Chamber of Deputies and the Senate, with a foreword by Eric McLuhan and the introduction of the President of the Republic. Working since 1996 for newspapers, weekly magazines and print media, as well as broadcasters. Counselor systemic-relational experience Clinic at IPR Institute for Relational Psychotherapy Luigi Baldascini - Naples, Family Mediator, Consultant torque, an expert in juvenile law is accredited Trainer of Civil Service Office of the Prime Minister. Woman of the Year Award, Ambassador Award Italian World Globe International, Molise to the Governor for the Prix Globo Tricolore journalist Rai, Patrick Angelini, Special Commissioner Aitef, the National Executive Filitalia International, has published numerous essays, short stories and anthologies poetic.

 

University professor at "Roma Tre", journalist, International Press Card - Federation of Journalists, International Director and Publisher of the newspaper UN MONDO D’ITALIANI - A WORLD OF ITALIAN (www.unmondoditaliani.com) Italian International Daily Magazine, and six other paper publications, she is co-curator of the First Dictionary of Italian Emigration, whose cultural-publishing project was presented at the Chamber of Deputies and the Senate, with a foreword by Eric McLuhan and the introduction of the President of the Republic. Working since 1996 for newspapers, weekly magazines and print media, as well as broadcasters. Counselor systemic-relational experience Clinic at IPR Institute for Relational Psychotherapy Louis Baldascini - Naples, Family Mediator, Consultant torque, an expert in juvenile law is accredited Trainer of Civil Service Office of the Prime Minister. Woman of the Year Award, Ambassador Award Italian World Globe International, Molise to the Governor for the Prix Globo Tricolore journalist Rai, Patrick Angelini, Special Commissioner Aitef, the National Executive Filitalia International, has published numerous essays, short stories and anthologies poetic Passionate about photography, painting, decorating designs reinventing style borrowed from the technical drawing and design.

  • La Solitudine dei Numeri Primi
  • CREAZIONE particolare 1
  • CREAZIONEparticolare
  • La Solitudine dei Numeri Primi particolare 2
  • Coraggio - Tiger (Serie Bestiario)
  • DISASTRO DI LUCE (serie Fantasy)

Commenti sulle opere di Mina Cappussi:

 Complimenti. 


commento di Alfredo Scamporrino sull'opera Androgino - mercoledì 08 ottobre 2014 alle ore 12:10

Ti ringrazio,complimenti a te.


commento di Lucille sull'opera DISASTRO DI LUCE (serie Fantasy) - mercoledì 08 ottobre 2014 alle ore 16:58

 complimenti.

oltre alle opere, delle bellissime descrizioni

commento di Riccardo Pagano sull'opera CREAZIONE particolare 1 - giovedì 23 ottobre 2014 alle ore 20:47

ciao Mina, volevo ringraziarti, per i commenti lusinghieri sulle mie tele, che mi hai rivolto. inoltre apprezzo molto, il  fatto di esserti affacciata in questo splendido mondo quale e' la pittura, non tralasciarlo, anche perche vedo che la stoffa non ti manca............PS.....salutami tanto le vostre mozzarelle, cibo di cui vado matto!!!!!!!anzi, mangiane una intera alla faccia mia!!un abbraccio di cuore.


commento di Mauro Bombelli sull'opera CREAZIONEparticolare - martedì 28 ottobre 2014 alle ore 11:46

 A volte ci sentiamo extraterrestri in un mondo che non riconosciamo, che non ci riconosce. La solitudine esistenziale che consuma la carne e brucia aneliti dissonanti è rappresentata da una figura umana, assisa su uno spuntone di roccia grigia, una sorta di filosofo contemporaneo, schiacciata da un astro che sovrasta la tela e incombe su figure non definite, mostri che popolano l’orizzonte. In primo piano il volto di un uomo pensieroso che impersona le infinite persone interiori. Particolare curioso dell’opera: Inizialmente, e nei bozzetti preparatori, non c’era alcun volto in primo piano. Ma con il trasferimento su tela e la coloritura del fondo il volto è emerso da solo, ambiguo ed enigmatico. Piccola storia anche sul titolo. Il quadro era stato appena abbozzato e mi sono recata alla Regione Molise per chiedere conto di un concorso al quale avevo partecipato. Quando le argomentazioni dell’impiegato per tentare di spiegare che la mia domanda non era stata valutata hanno fatto balenare in me l’impenetrabilità del muro di gomma istituzionale in cui mi ero imbattuta, la delusione è stata grande. Ma era la risposta che cercava l’anima assetata. E così, senza nemmeno pensarci, il titolo è venuto fuori da solo.

 

The Solitude of Prime Numbers

(acrylic on canvas 40x40)

 

Sometimes we feel alien in a world that we don't recognize, that don't recognize us. The existential loneliness that consumes the flesh and burning desires dissonant is represented by a human figure, seated on an outcrop of gray rock, a kind of contemporary philosopher, crushed by a star above the canvas and hanging over undefined figures, monsters that inhabit the horizon. Close-up face of a pensive man who embodies the infinite spiritual persons. A curious particular: first, and preparatory sketches, there was no face in the foreground. But with the canvas transfer, and the coloring of canvas, the bottom face has emerged alone, ambiguous and enigmatic. Short story even on the title. The picture had just been drafted and I went to the region of Molise to ask on behalf of a competition in which I had participated. When the arguments of the employee for groped to explain that my application had not been assessed have flashed me the impenetrability of the corporate glass ceiling where I had come across, the disappointment was great. But it was the answer I was looking for the thirsty soul. And so, without even thinking about it, the title came out alone.

3 novembre 2014 


commento di Mina Cappussi sull'opera La Solitudine dei Numeri Primi particolare 2 - giovedì 06 novembre 2014 alle ore 20:23

 A volte ci sentiamo extraterrestri in un mondo che non riconosciamo, che non ci riconosce. La solitudine esistenziale che consuma la carne e brucia aneliti dissonanti è rappresentata da una figura umana, assisa su uno spuntone di roccia grigia, una sorta di filosofo contemporaneo, schiacciata da un astro che sovrasta la tela e incombe su figure non definite, mostri che popolano l’orizzonte. In primo piano il volto di un uomo pensieroso che impersona le infinite persone interiori. Particolare curioso dell’opera: Inizialmente, e nei bozzetti preparatori, non c’era alcun volto in primo piano. Ma con il trasferimento su tela e la coloritura del fondo il volto è emerso da solo, ambiguo ed enigmatico. Piccola storia anche sul titolo. Il quadro era stato appena abbozzato e mi sono recata alla Regione Molise per chiedere conto di un concorso al quale avevo partecipato. Quando le argomentazioni dell’impiegato per tentare di spiegare che la mia domanda non era stata valutata hanno fatto balenare in me l’impenetrabilità del muro di gomma istituzionale in cui mi ero imbattuta, la delusione è stata grande. Ma era la risposta che cercava l’anima assetata. E così, senza nemmeno pensarci, il titolo è venuto fuori da solo.

 

The Solitude of Prime Numbers

(acrylic on canvas 40x40)

 

Sometimes we feel alien in a world that we don't recognize, that don't recognize us. The existential loneliness that consumes the flesh and burning desires dissonant is represented by a human figure, seated on an outcrop of gray rock, a kind of contemporary philosopher, crushed by a star above the canvas and hanging over undefined figures, monsters that inhabit the horizon. Close-up face of a pensive man who embodies the infinite spiritual persons. A curious particular: first, and preparatory sketches, there was no face in the foreground. But with the canvas transfer, and the coloring of canvas, the bottom face has emerged alone, ambiguous and enigmatic. Short story even on the title. The picture had just been drafted and I went to the region of Molise to ask on behalf of a competition in which I had participated. When the arguments of the employee for groped to explain that my application had not been assessed have flashed me the impenetrability of the corporate glass ceiling where I had come across, the disappointment was great. But it was the answer I was looking for the thirsty soul. And so, without even thinking about it, the title came out alone.

3 novembre 2014 


commento di Mina Cappussi sull'opera La Solitudine dei Numeri Primi - giovedì 06 novembre 2014 alle ore 20:23

 A volte ci sentiamo extraterrestri in un mondo che non riconosciamo, che non ci riconosce. La solitudine esistenziale che consuma la carne e brucia aneliti dissonanti è rappresentata da una figura umana, assisa su uno spuntone di roccia grigia, una sorta di filosofo contemporaneo, schiacciata da un astro che sovrasta la tela e incombe su figure non definite, mostri che popolano l’orizzonte. In primo piano il volto di un uomo pensieroso che impersona le infinite persone interiori. Particolare curioso dell’opera: Inizialmente, e nei bozzetti preparatori, non c’era alcun volto in primo piano. Ma con il trasferimento su tela e la coloritura del fondo il volto è emerso da solo, ambiguo ed enigmatico. Piccola storia anche sul titolo. Il quadro era stato appena abbozzato e mi sono recata alla Regione Molise per chiedere conto di un concorso al quale avevo partecipato. Quando le argomentazioni dell’impiegato per tentare di spiegare che la mia domanda non era stata valutata hanno fatto balenare in me l’impenetrabilità del muro di gomma istituzionale in cui mi ero imbattuta, la delusione è stata grande. Ma era la risposta che cercava l’anima assetata. E così, senza nemmeno pensarci, il titolo è venuto fuori da solo.

 

The Solitude of Prime Numbers

(acrylic on canvas 40x40)

 

Sometimes we feel alien in a world that we don't recognize, that don't recognize us. The existential loneliness that consumes the flesh and burning desires dissonant is represented by a human figure, seated on an outcrop of gray rock, a kind of contemporary philosopher, crushed by a star above the canvas and hanging over undefined figures, monsters that inhabit the horizon. Close-up face of a pensive man who embodies the infinite spiritual persons. A curious particular: first, and preparatory sketches, there was no face in the foreground. But with the canvas transfer, and the coloring of canvas, the bottom face has emerged alone, ambiguous and enigmatic. Short story even on the title. The picture had just been drafted and I went to the region of Molise to ask on behalf of a competition in which I had participated. When the arguments of the employee for groped to explain that my application had not been assessed have flashed me the impenetrability of the corporate glass ceiling where I had come across, the disappointment was great. But it was the answer I was looking for the thirsty soul. And so, without even thinking about it, the title came out alone.

3 novembre 2014 


commento di Mina Cappussi sull'opera La Solitudine dei Numeri Primi particolare - giovedì 06 novembre 2014 alle ore 20:24

molto fantasioso,,,,, ma sinceramente bello,,,complimenti!!!!!!


commento di Mauro Bombelli sull'opera CREAZIONE particolare 2 - lunedì 12 gennaio 2015 alle ore 10:23

 CAro Mauro Bombelli, grazieeeeeeeeeee


commento di Mina Cappussi sull'opera CREAZIONEparticolare - lunedì 16 febbraio 2015 alle ore 01:02

 CAro Mauro Bombelli, grazieeeeeeeeeee


commento di Mina Cappussi sull'opera CREAZIONEparticolare - lunedì 16 febbraio 2015 alle ore 01:02

 CAro Mauro Bombelli, grazieeeeeeeeeee


commento di Mina Cappussi sull'opera CREAZIONEparticolare - lunedì 16 febbraio 2015 alle ore 01:02

 CAro Mauro Bombelli, grazieeeeeeeeeee


commento di Mina Cappussi sull'opera CREAZIONEparticolare - lunedì 16 febbraio 2015 alle ore 01:02
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici