Luz

Luz Marco Luzzi
Milano (MI)

Iscritto dal
02/02/2011
Categoria: Pittori, Altro

Websites: LabLuz  facebook Luz  twitter

Opere inserite: 50

Visualizzazioni profilo: 4196

Voti ricevuti: 356 Chi ha votato?


Data di nascita: 15/10/1972
Residenza: Milano - MI

 inseguimi anche sulla pagina ufficiale di facebook

www.facebook.com/LabLuz

e twitter

 

 

LUZ

Indagando la vasta e poliedrica produzione dell’artista milanese Luz (al secolo Marco Luzzi) quella che concettualmente è più stratificata ed esteticamente più “semplice” è la serie dei Bop: attraverso un percorso che affonda le sue radici nell’esperienza del teatro africano l’artista ha assunto ad emblema della sua ricerca una maschera (un simbolo) su cui strato dopo strato ha eliminato il superfluo, ha grattato via ogni impurità, ha liberato l’essenzialità per arrivare tramite un processo di rarefazione ad individuare il nucleo stesso del suo eclettismo.
Il bop in quanto simbolo diventa quindi l’emblema della poetica dell’artista, il mezzo tramite il quale si esprime la lotta tra opposti che ha la sua sublimazione nel momento creativo:
La contrapposizione uno/molti, individuo/massa, solitudine/empatia, si sviluppa in un percorso che cerca di trovare nell’individuo singolo, isolato dal resto della comunità sia concettualmente che fisicamente, il nesso che lo fa di fatto appartenere alla comunità.Siamo soli nel momento in cui ci poniamo in relazione ad un insieme, ad una moltitudine che dovrebbe essere pensante ma non pensa, dovrebbe parlare ma non parla (eccezion fatta per la presenza del cartello con la firma dell’artista che in un certo senso, entra nell’opera d’arte ad indicare una direzione e suggerire un’azione!) dovrebbe avere un’identità ma si annulla in un più comodo mucchio omogeneo, che sta zitto, che non si oppone, che non si assume il compito di essere significante, di avere un significato…. Nella scelta cosciente di estraniarsi dalla moltitudine l’individuo(bop) -considerato nella sua unicità - dichiara il suo rifiuto dell’omologazione, dell’annullamento nella massa indistinta, vissuta come magma primigenio da cui separarsi, da cui generare una nuova presa di coscienza, una nuova idea di unicità in cui coinvolgere l’altro per far nascere una nuova massa pensante.

In estrema sintesi quello che Luz cerca di individuare attraverso la sua poetica è la linfa vitale che si cela dietro la logica di quello che l’artista stesso definisce “il pensiero oppositivo”, è la ricerca dell’anima, in ogni sua sfumatura, in ogni suo eclettismo, ed in relazione a questo la motivazione per cui l’individuo una volta contestualizzato tra altri individui non vuole essere felice, non tende naturalmente alla felicità…in quest’ottica, l’elemento fuori dal coro è obbligato, moralmente ed ontologicamente ad offrire un alternativa, a garantire un’urgenza emotiva come reazione umana all’infelicità.

 Il fruitore dell’opera d’arte ne diventa in quest’ottica parte integrante: lasciando dei margini interpretativi, non riempiendo le zone d’ombra, Luz lascia alla fantasia dell’osservatore il compito di arricchire l’opera d’arte di substrati di significato, non ne incanala il senso attraverso una chiave di lettura prosaica ed opprimente , al contrario usa le differenti interpretazioni come strumento di crescita personale ed artistica, come una spugna assorbe le influenze esterne e rielaborandole crea una sorta di quadro infinito, in cui scandagliare lo stesso messaggio attraverso diventi punti di vista. Così le donne col burqa possono essere dita, o maschere da saldatore, le bocche possono essere caschi da rugby, e gli occhi dei bop sono allo stesso tempo il simbolo dell’infinito o la palla 8 da biliardo……
Del resto l’artista parte dal presupposto che niente di nuovo si possa più creare, niente inventare: il primo , l’unico vero gesto artistico , quello che all’infinito viene reiterato in ogni quadro, ogni scultura, in ogni opera d’arte , è il primo graffito del primo uomo… quindi tanto vale accettare di subire l’influsso di chi è stato prima, assorbirne la pulsione creativa, rielaborare il concetto attraverso il filtro dei proprio occhi, della propria esperienza, esperire la tecnica per impadronirsene, e così all’infinito, in un continuo gioco di specchi e rimandi.
 

  • max
  • bop art5
  • bopdripart 6
  • fratellisemaforo
  • 4occhi
  • solenero

Commenti sulle opere di Luz:

ottima idea, ottimo titolo, ottima tecnica. Hai tutte le caratteristiche per diventare il nuovo Hirst; continua così. L'unico consiglio che ti do è di lavorare su tele più grandi, proprio per gustare a pieno il colore, l'idea, il gesto!


commento di Lukedarkside sull'opera bop art 6 (donne col burka al mercato) - giovedì 03 febbraio 2011 alle ore 23:19

io vedo centinaio di dita puntate verso il cielo. Sandra Levaggi


commento di Sandra Levaggi sull'opera Bop art2 - mercoledì 16 febbraio 2011 alle ore 18:03

 è una delle infinite opzioni, l'arte è quello che io dipingo e tu ci VEDI


commento di Luz sull'opera Bop art2 - mercoledì 16 febbraio 2011 alle ore 18:39

hola luz, grazia per il voto, contracambio il gesto ,ma  questa opera e fantastica i mie piu sinceri complimenti


commento di Cesar sull'opera la mia africa (il camerun 2003) - sabato 19 febbraio 2011 alle ore 10:05

geniale in maniera semplicemente disarmante


commento di Fabio Taramasco sull'opera popcorn - domenica 20 febbraio 2011 alle ore 11:13

ribadisco, per me  e' un grido gentile. E quelli sempre per me sono biscotti alle mandorle. Ciao Luz!


commento di Gjorgjo sull'opera bop art 6 (donne col burka al mercato) - lunedì 28 febbraio 2011 alle ore 14:07

 ciao Giorgio. al mercato hanno comprato i biscotti alle mandorle. in fondo come ti ho già detto tu come chiunque altro ci può vedere l'emozione che vuole!


commento di Luz sull'opera bop art 6 (donne col burka al mercato) - martedì 01 marzo 2011 alle ore 09:39

e' vero! sia per i biscotti che per l'emozione, e' questo il bello dell'arte....ognuno la vive a modo suo. Ciao!


commento di Gjorgjo sull'opera bop art 6 (donne col burka al mercato) - mercoledì 02 marzo 2011 alle ore 13:43

Davvero complimenti!


commento di Arcangelo Delfino sull'opera regina di quadri - giovedì 24 marzo 2011 alle ore 19:04

troppo fuori!!!


commento di Marina Guarino sull'opera micio bianco - giovedì 12 maggio 2011 alle ore 16:08

fantastico :-D

ho  davanti  a  me  i  popcorn  e  dopo  aver  visto  questo  tuo  originalissimo quadro mi  pare  quasi che  mi  guardino,supplicandomi   di  non  mangiarli.

 


commento di Cristina De Biasio sull'opera popcorn - mercoledì 01 giugno 2011 alle ore 20:47

genialeeeeeeeeeee LOL


commento di Cristina De Biasio sull'opera fiammiferino - mercoledì 01 giugno 2011 alle ore 20:48

Ma quanto mi piacciono le tue creature!!


commento di Marina Guarino sull'opera agata - giovedì 16 giugno 2011 alle ore 12:34

 grazie


commento di Luz sull'opera agata - giovedì 16 giugno 2011 alle ore 13:40

Assolutamente fantastici i tuoi lavori! Very compliments!


commento di Marion_s sull'opera regina di picche - venerdì 20 gennaio 2012 alle ore 01:43

 grazie! mi sbalestrano sempre i complimenti, ma fanno sempre un gran piacere!


commento di Luz sull'opera regina di picche - sabato 21 gennaio 2012 alle ore 11:18

 BELLISSIMA!!! COME TUTTE LE ALTRE SUE OPERE COMPLIMENTI DAVVERO? DANIELE TEDONE


commento di Daniele Il Divo sull'opera senzaocchi - sabato 04 agosto 2012 alle ore 22:50

 FANTASTICA ANCHE QUESTA


commento di Daniele Il Divo sull'opera il gatto e la luna - sabato 04 agosto 2012 alle ore 23:16

SOFFOMANTE DELLA SOCIETA!!! TUTTI TI ADORANI! TUTTI ALL APPARENZA TI AMANO! MA APPENA TI GIRI LE SPALLE!!! SEI NULLA!!! COSI MI SENTO IO OGGI IN QUESTA SOCIETA!!! NULLA!!! SONO SOLO QUALCUNO X LA MIA FAMIGLIA!!! IL RESTO CARNE DA MACELLO


commento di Daniele Il Divo sull'opera bopdripart - sabato 04 agosto 2012 alle ore 23:28

LA NUOVA SOCIETA!!! IL NUOVO MONDO


commento di Daniele Il Divo sull'opera donne col burqa colorate - sabato 04 agosto 2012 alle ore 23:31
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici