Pirropix

Pirropix Vincenzo Pirrotta
Settimo Milanese (MI)

Iscritto dal
13/04/2009
Categoria: Pittori

Websites: artecomunicarte  equilibriarte 

Opere inserite: 41

Visualizzazioni profilo: 3460

Voti ricevuti: 123 Chi ha votato?


Data di nascita: 12/05/1936
Residenza: Settimo Milanese - MI

 


Sono nato a Palermo circa settant’anni fa forse qualcosa di più ma non importa e sono rimasto sempre innamorato della mia città di cui ho un ricordo bellissimo anche perché vi ho vissuto la mia gioventù, ho compiuto i miei studi, ho trovato la mia altra metà, e vi ho lasciato il cuore.
Poi ho lasciato il profondo sud e sono sprofondato al nord dove da quasi cinquant’anni ho costruito la mia vita e quella della mia famiglia.
Adesso sono un felice pensionato che può dedicare il suo tempo agli hobby che sempre mi hanno attratto e che non sempre ho potuto adeguatamente praticare.
Pittura, disegno, musica sono le mie grandi passioni. Poi leggere, studiare e approfondire nuovi orizzonti mi stimola molto di più di un triller.
Astronomia, Religione, Arte, Biologia, Matematica sono le materie che più mi appassionano.
Ho fatto per trent’anni l’ingegnere e quindi tutto ciò che è tecnica mi piace.
Inventare, costruire, disegnare, particolareggiare, cavillare sono le mie passioni da sempre.
Ho iniziato a dipingere all’età di diciassette anni ed il mio primo dipinto data 1953.
Ho praticato dapprima la pittura ad olio, poi il pastello, la grafite rd infine l’acquerello. Sono sempre stato autodidatta e soltanto adesso sto seguendo alcuni corsi di acquerello per approdare a nuovi lidi.
 

  • I Picciriddi a mare
  • Tumulto
  • Paesaggio irreale
  • Foxx
  • I faraglioni di Scopello
  • Castore e Polluce

Commenti sulle opere di Pirropix:

Castore morente abbraccia l’inseparabile fratello gemello Polluce che disperato chiederà a Zeus l’immortalità per il fratello o in alternativa anche per lui la morte.

Castore e Polluce noti altresì come i Dioscuri ossia i figli di Zeus furono concepiti da Leda per la paternità dello stesso Zeus con sembianze di cigno.
Leda era sposa a Tindaro re di Sparta e con lui si accoppiò dopo gli amori di Zeus. Dopo queste unioni Leda depose due uova da cui nacquero rispettivamente Castore e Clitennestra, con caratteristiche mortali, e Polluce ed Elena, immortali. Castore era un intrepido guerriero abilissimo a domare i cavalli mentre Polluce era un valente pugile.
Sono sempre stati considerati inseparabili al punto che Polluce rinuncia alla propria immortalità pur di salvare Castore morente in battaglia. La leggenda li ha trasformati nella costellazione dei Gemelli.

Mi è sembrato di cogliere in questa posa plastica di rara bellezza, concepita da un noto fotografo di nudi maschili Dylan Ricci, alcunché di pornografico come la normalità dei benpensanti è orientata a intravedere, bensì l’espressione di un amore puro, fraterno, indistruttibile, ai confini della sessualità.

E’ vero che nel 2007 non si dovrebbe avere bisogno di ricorrere alla mitologia greca per dare un titolo ad un disegno di nudo maschile, tuttavia il moralismo benpensante è portato ad emarginare tutto ciò che esula dal normale perbenismo.
Se avessi raffigurato un uomo ed una donna non avrei destato scandalo, ma rappresentare due uomini che si abbracciano è talmente diverso da quasi inorridire!

Trovo che dal punto di vista figurativo il corpo dell’uomo sia molto più armonioso e proporzionato di quello della donna, che per altro verso ha un suo fascino molto più sensuale. Il corpo maschile esprime armonia, forza, possesso, potenza, e chi è scevro da vecchi formalismi riesce a trarne immagini di ampio respiro che danno adito a molteplici interpretazioni. Ma fra queste perché soltanto quelle più buie. La bellezza non può avere confini, tanto meno se questi sono posti da una strana essenza dell’Uomo quella di dare spazio alla “non-essenza” derivata da una bigotta religiosità opportunistica inesistente in Natura.

Io la penso così.
Per me i due corpi abbracciati ispirano qualcosa di puro.
Se a Voi sembrano due Gay che fanno l’amore, sono problemi vostri.

Questo è un auto giudizio sul tema della moralità di un disegno, a cui non avrei neanche pensato di dare risposta , se non fossi stato indotto da una frase: “ ma sono due uomini?” , sì sono due Uomini! Ma “ come fai a spiegare cosa stanno facendo?” ebbene: si stanno abbracciando in punto di morte!…..oppure si amano!….. come Vi piace!
Ma “perché nudi?” Ebbene ai Greci piacevano le cose belle e non disdegnavano di dirle, di farle vedere, e anche di possederle!
Ed io ho fatto come i Greci!


Vincenzo Pirrotta

 

Settimo Milanese addì 30/06/07
 


commento di Pirropix sull'opera Castore e Polluce - lunedì 13 aprile 2009 alle ore 14:17

Bravo!

I tuoi quadri sono interessanti però, caro il mio compaesano ( sono di Palermo anch'io) hai un pò perso i colori forti della nostra terra.

Mi fà molto piacere averti con noi in questo magnifico sito.

Complimenti.

Ciao

Damiano Messina 


commento di Damiano Messina sull'opera Paesaggio toscano - martedì 14 aprile 2009 alle ore 12:59

Il mare,  ci identifica e solca le nostre rugose tempie.


commento di Intarsiatore sull'opera Regata - martedì 14 aprile 2009 alle ore 16:11

luci che si fondono, che implodono in sè stesse, che si cercano senza trovarsi. Un paesaggio rappresentato finemente, con un ottimo uso dei colori, un ottimo ritmo dinamico. La rappresentazione è fedele, pur mantenendo un senso impressionista del tutto. Ottimo quadro, bella rappresentazione. Complimenti per l'uso sapiente della tecnica.


commento di Lukedarkside sull'opera Temporale - martedì 14 aprile 2009 alle ore 23:24

complimenti vivissimi per tutti i tuoi lavori!!!


commento di Rifil sull'opera Torre di Pisa by night - mercoledì 15 aprile 2009 alle ore 18:09

Belli i tuoi acquerelli,  anche a me piacciono gli acquerelli in tinte forti come li fai tu.

Complimenti!

Ciao.  LENY


commento di Leny sull'opera Ispirazione perduta - venerdì 17 aprile 2009 alle ore 15:37

Da astrattista (quasi tuo coetaneo) devo per forza votare questa bellissima opera impressionita, ma alla quale, se tagliamo una piccola fascia sotto, si può attribuire una catalogazione tra le migliori opere informali, Complimenti. Guido Marra


commento di Guido Marra sull'opera Temporale - sabato 29 agosto 2009 alle ore 23:25

Complimenti per i tuoi acquerelli! sono molto belli. Ho notato che anche tu come me, adoperi molto l'acquerello puro.


commento di Leny sull'opera Viva la Rivoluzione - giovedì 20 maggio 2010 alle ore 10:46

opera stupenda  bravo,ciao Vincenzo


commento di Felice sull'opera Abbraccio - domenica 07 novembre 2010 alle ore 18:05
Banner pubblicitari
Sostengono IoArte
Siti Amici